menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Monte Mario, si accende la protesta contro la ciclabile Battistini-Gemelli: “L’opera va fermata”

In piazza il comitato di residenti e commercianti, insieme al centrodestra: “Si valuti percorso alternativo"

“L’opera va fermata”. E’ questo il grande striscione esposto da alcuni cittadini che questa mattina nel cuore di Monte Mario hanno protestato contro la realizzazione della pista ciclabile Battistini-Gemelli

La ciclabile Battistini-Gemelli per connettere metro e treno

Un percorso dedicato alle biciclette in grado di connettere due nodi del trasporto pubblico su ferro: metro A e linea ferroviaria Roma-Viterbo. Un tracciato che rappresenta anche la connessione diretta tra la fermata della metropolitana e la pista ciclopedonale esistente “Monte Ciocci – Monte Mario”: il Parco Lineare che nei suoi cinque chilometri di lunghezza incrocia quattro stazioni (Appiano, Balduina, Gemelli e Monte Mario), con dieci accessi integrati alle strade di mobilità tradizionale. 

Monte Mario, dalla metro al treno in bicicletta: ecco la ciclabile tra Battistini e Gemelli

Il M5s difende il progetto: "La ciclabile non si tocca"

I lavori sono iniziati un mese fa, il M5s a guida del Municipio XIV difende l’opera: “La pista ciclabile non si tocca” - aveva risposto il presidente della commissione Lavori Pubblici, Alessandro Volpi, alle prime proteste di Fratelli d’Italia. “I motivi di contrarietà addotti sono sempre i soliti, riduzione dello spazio per le macchine, meno parcheggi, benaltrismo di priorità etc. Alla base ovviamente c'è anche la totale incomprensione di uno strumento utilizzato in moltissimi comuni italiani e nelle altre capitali europee: la Bike Lane. Ogni metro di nuova pista ciclabile è un metro in più messo in sicurezza per chi già utilizza mezzi alternativi all'automobile su strade poco sicure e un incentivo per chi vuole iniziare una diversa modalità di spostamento.Sia ben chiaro che sulla sicurezza, sullo sviluppo della mobilità sostenibile noi - aveva assicurato il consigliere grillino del Roma Monte Mario - non faremo un passo indietro”.

La protesta contro la ciclabile Battistini-Gemelli

Questa mattina in piazza il Comitato “No alla pista ciclabile su via Mattia Battistini” presieduto da Ambra Strinati e coordinato da Nazzareno Di Stefano. Con loro una delegazione di commercianti, comitati di cittadini e l’associazione ambientalista Ecoitaliasolidale presente con il presidente Piergiorgio Benvenuti. C’erano anche il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, e gli esponenti della Lega Francesco Collarino e Daniele Giannini. 

Sulla ciclabile Battistini-Gemelli si apre lo scontro: "Strade più strette e meno parcheggi, è follia"

"Un investimento inutile, che crea più disagi che benefici, riducendo drasticamente i parcheggi e mettendo in serio rischio la viabilità" - ha commentato Collarino. "La ciclabilità è un obiettivo serio da perseguire, non uno slogan con cui realizzare chilometri di inutili e pericolosi percorsi. I 5 stelle - ha aggiunto Giannini - perseverano nell'errore creando solo disagi e disservizi ai cittadini".

Sul corridoio ciclabile da Battistini al Gemelli i cittadini in protesta hanno chiesto di valutare percorsi alternativi all'interno il parco della Pineta Sacchetti “per scongiurare disagi, maggior traffico e quindi inquinamento”. 

Protesta anche contro la ciclabile di via Gregorio VII

Da Monte Mario all'Aurelio. Anche in via Gregorio VII c'è chi protesta contro la ciclabile. “Continuano i disagi per i cittadini di Via Gregorio VII. A pochi mesi dalla realizzazione della pista ciclabile, continuiamo a registrare voci di protesta tra i residenti e i commercianti. Negli ultimi quattro mesi il traffico, e di conseguenza l’inquinamento, è aumentato a dismisura, soprattutto nelle ore di punta. In più i numerosi cantieri aperti in questi giorni hanno letteralmente mandato in tilt un intero quadrante. E’ necessario intervenire al più presto, anche alla luce della ripresa, nei prossimi mesi, del turismo religioso" - ha scritto in una nota il capogruppo di Fratelli d'Italia in XIII Municipio, Marco Giovagnorio.

Pendenze e ostacoli, via Gregorio VII contro la ciclabile: “Progetto indecente, va smantellato” 

Via Gregorio VII, infatti, è l’arteria principale che i pullman turistici percorrono per raggiungere Città del Vaticano, ma "nelle condizioni odierne, con la riduzione, di fatto, della carreggiata ad una corsia - sottolinea l'esponente del partito di Giorgia Meloni - non sarebbe minimamente sostenibile per il quartiere. Nessuno di noi è contro le piste ciclabili, ma è del tutto evidente che queste non possono essere realizzate ovunque. Vanno pensate e create ascoltando la cittadinanza e soltanto se raggiunge un punto di equilibrio tra le esigenze dei residenti, la sicurezza degli stessi ciclisti e le attività presenti sul territorio. Di iniziative calate dall’alto e senza un disegno complessivo, questa città ne ha avuto già abbastanza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento