menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco Colli d'Oro, un ecomostro nel degrado: "Via il cemento. Tutela del verde è priorità"

Nella "pineta" di Labaro l'incompiuto palazzetto dello sport 'Casa Lazio'. Dopo la revoca della concessione e il ricorso del privato respinto dal TAR il quartiere rivuole l'area: "Sì a rigenerazione urbana e dialogo"

Sfalcio dell'erba, pulizia e riappropriazione di un parco da troppo tempo deturpato e abbandonato. Domenica di impegno e condivisione a Labaro dove i cittadini hanno iniziato a riappropriarsi del Parco di Colli d'Oro: area verde nel cuore del quartiere dove, ormai dall'estate 2012, giace lo scheletro di Casa Lazio, opera incompiuta divenuta un vero e proprio ecomostro. 

CASA LAZIO, OPERA INCOMPIUTA - Un palazzetto su area del Comune che la Lazio Pallavolo, vincitrice di un bando nel 2009, avrebbe voluto destinare alle diverse discipline della Polisportiva biancoceleste per creare una sorta di cittadella in cui concentrare atleti e squadre. 
Un impianto sportivo, con una vocazione anche culturale, che però non si è mai compiuto lasciando nel Parco di Colli d'Oro pilastri di cemento, recinzioni divelte, passerelle di legno ormai marcite e un acquitrino. Il tutto soffocato da verde selvaggio e incuria. 

REVOCA CONCESISONE  E RICORSO RESPINTO - Un'opera calata dall'alto che il territorio ha sin da subito mal sopportato con i cittadini a riunirsi nel Comitato Colli d'Oro contro la cementificazione del parco e in favore della tutela del verde. Nell'aprile del 2015, constatate inadempienze e ritardi da parte del privato, Roma Capitale ha decretato la decadenza della concessione e la risoluzione del contratto dell'area assegnata. Di recente poi il respingimento da parte del TAR dell'ultimo ricorso del concessionario con il Municipio, in appoggio ai cittadini impegnati sulla questione, a chiedere agli Uffici di competenza di velocizzare le pratiche per riconsegnare l’area affinchè si potesse provvedere alla manutenzione li assente da troppo tempo. 

COMITATI A COLLI D'ORO - E oggi, in occasione della campagna ‘Let’s clean Up Europe’, le tante realtà di Labaro e del Quindicesimo che da sempre si sono battute per la restituzione del Parco al quartiere si sono ritrovate nel cuore di Colli d'Oro per dare il via all'agognata riappropriazione. 

RIGENERAZIONE URBANA - "Da sempre siamo per la rigenerazione, temiamo qualsiasi cementificazione e vogliamo fortemente la rimozione dell'ecomostro e il ripristino del verde" - ha detto a RomaToday, Viviana Santacroce del Comitato Colli d'Oro. L'idea è quella di dare il via ad un progetto di rigenerazione: smantellare le parti inquinanti e lasciare invece, anche a memoria di quel che è successo, quelle riutilizzabili creando, "con impatto zero e costi contenuti", uno spazio verde del tutto rinnovato

RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE - E un ringraziamento alle Associazioni, Comitati di Quartiere e realtà territoriali impegnate in quel di Colli d'Oro è arrivato anche da Roberto Giachetti, candidato del centrosinistra a sindaco di Roma, che aveva fatto della "pineta" di Labaro una delle sue prime tappe della campagna elettorale. 

"Come ho avuto modo di ribadire più volte tra le priorità del mio programma c’è la riqualificazione dell’area di cantiere del Parco di Colli d’Oro: il mio intento è quello di procedere a un bando di rigenerazione urbana mirato al recupero e alla riqualificazione dell’area, il ripristino e la tutela del verde, attraverso la collaborazione attiva con il Municipio XV ma soprattutto attraverso il confronto con i cittadini e i comitati di quartiere che da sempre lottano contro quello stato di degrado. Il parco - ha aggiunto Giachetti - può e deve essere pulito, sicuro e fruibile da parte di tutti i cittadini".

MUNICIPIO XV PER IL CONFRONTO - E al confronto e alla condivisione non vuole di certo sfuggire via Flaminia 872: "E' una grande soddisfazione dopo un percorso durato due anni rivedere il parco pubblico e animato dai cittadini. Un lavoro portato avanti da tutti con fatica che non può di certo arrestarsi" - ha detto il Presidente del Municipio XV, Daniele Torquati. "Qualsiasi cosa che verrà fatta qui non sarà, come accaduto prima, calata dall'alto ma sarà il frutto di una decisione scaturita dal territorio attraverso confronto e dialogo. Vorremmo dar seguito al progetto di rigenerazione urbana attraverso democrazia partecipata e ascolto del quartiere" - ha aggiunto il presidente della Commissione Ambiente del Municipio XV, Marcello Ribera, impegnato con i Comitati in decespugliamento e sfalcio.  

RINASCITA PARCO - Oggi nel Parco di Colli d'Oro, dopo taglio dell'erba e rimozione dei rifiuti, è stato anche piantato un nuovo alberello: "Un simbolo di rinascita" - hanno detto da Labaro dove tutti coltivano la speranza di vedere presto quello spazio libero da un'area cantiere degradata e pericolosa oltre che pienamente fruibile, decoroso e sicuro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento