rotate-mobile
Politica Pietralata / Piazzale Giovanni Spadolini

Stazione Tiburtina, nuovo sgombero per Baobab: “Avevamo cercato il dialogo, non hanno mai risposto”

Il Comune rivendica l'intervento. Raggi: "Restituiamo ai cittadini la piena sicurezza di tutti i servizi legati allo scalo ferroviario"

L’insediamento di piazza Spadolini, nell’area adiacente il piazzale est della Stazione Tiburtina, non c’è più. Il Campidoglio ha comunicato “l’avvio dello sgombero dei giacigli di fortuna e la pulizia sia della zona di ingresso dello scalo ferroviario sia dei campi adiacenti”.

Per il Comune si è trattato di un passo in avanti verso la riqualificazione della stazione Tiburtina. Per gli attivisti di Baobab, che lì fornivano pasti e supporto a decine di migranti, l'operazione è avvenuta senza confronto. In assenza di quel dialogo che, già in passato, avevano cercato di avviare con Federica Angeli, la delegata comunale alle periferie.

La riqualificazione dell'area ed il presidio di polizia 

L'operazione, ha spiegato il Campidoglio, consentirà di avviare la contestuale sistemazione di “postazioni per car e bike sharing e per i monopattini”. Saranno installati anche dei “ parapedonali per delimitare la corsia preferenziale” ed è previsto inoltre il ripristino del capolinea della linea 548 dei bus. E' infine annunciato che  “nei prossimi mesi sarà garantito anche un presidio costante da parte della Polizia di Stato”. 
 
“Con un proficuo lavoro di squadra ridiamo dignità all’area esterna est della Stazione Tiburtina. Riconsegniamo ai cittadini e ai viaggiatori la possibilità di poter fruire in piena sicurezza di tutti i servizi legati ad uno degli scali ferroviari più importanti della città, tra i principali punti di accesso a Roma” ha dichiarato la sindaca.

Le fioriere per gli orti condivisi

L’operazione è stata commentata anche dalla delegata alla Sicurezza ed alle Periferie del Campidoglio. “I comitati di quartiere del Municipio IV ci hanno chiesto mesi fa un intervento. Da aprile abbiamo fatto numerose riunioni con i cittadini. Sono stati ascoltati e abbiamo risposto alle loro richieste dando un nuovo volto al piazzale est", ha dichiarato Federica Angeli. La delegata del Campidoglio alle periferie ha inoltre spiegato che “Usufruire dell'orto messo a disposizione della cittadinanza per piantare quel che vogliono è un modo per condividere uno spazio e un progetto tutti insieme”. 

Baobab e l'assenza di dialogo con il Campidoglio

La presenza di grandi fioriere di legno, infatti, era stata segnalata alla vigilia dello sgombero dagli attivisti di Baobab Experience. A proposito dell’intervento messo in campo il 14 luglio Andrea Costa, il coordinatore di Baobab, ha segnalato che  “avevamo cercato un dialogo con la delegata della sindaca alle periferie, Federica Angeli, che però non ha mai risposto alle nostre lettere e telefonate”. Quello realizzato a piazza Spadolini “è stato il 41esimo sgombero in sei anni che subisce Baobab. Questa volta però è diverso: hanno sigillato l'area, hanno buttato i tavoli che utilizzavamo per i pasti e rimarrà un presidio della polizia”.  

Il bando annunciato da Angeli

Quale destino per le persone che non hanno un luogo dove dormire, avranno una struttura destinata ad accoglierle? “Ci sarà un bando a cui potrà partecipare anche Baobab” ha risposto Federica Angeli  a chi, su facebook, le aveva rivolto questa domanda aggiungendo,“per far capire” che “10 persone regolari questa mattina hanno rifiutato di andare in una struttura del Comune”. 

Un intervento rivendicato dal Comune

L’operazione, contestata da Baobab, è invece rivendicata dal Campidoglio che con l’assessora ai lavori pubblici Linda Meleo ha focalizzato l’attenzione sul progetto complessivo di riqualificazione dell’area intorno alla stazione. Dopo l'abbattimento di un tratto della sopraelevata “tiamo per realizzare la nuova area pedonale davanti all'ingresso principale della Stazione. Un'area che sarà spazio di tutti, dove ci saranno tante nuove alberature rispetto allo stato attuale, in aggiunta a quelle già piantate. Finalmente stiamo realizzando decoro e riqualificazione dove per decenni ci sono stati degrado e di fatto un'autostrada sopraelevata accanto alle finestre dei cittadini”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazione Tiburtina, nuovo sgombero per Baobab: “Avevamo cercato il dialogo, non hanno mai risposto”

RomaToday è in caricamento