Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Pian dell'Olmo, Sottile pensa all'esercito. I residenti: "Bruciamo le tessere elettorali"

Non si arrestano le proteste contro la futura discarica a Pian dell'Olmo. I residenti: "Bruceremo le schede elettorali." Sottile: "Se serve intervento esercito ci sarà"

Nuova giornata bollente sul fronte dei rifiuti della capitale: a Pian dell'Olmo continuano le proteste dei residenti di Riano e delle zone limitrofe che, da quando il prefetto Sottile ha deciso il sito, non hanno mai smesso di manifestare.

SOTTILE – Di rilievo le dichiarazioni del neo commissario all'emergenza Sottile che, pochi giorni dopo la sua nomina ha indicato Pian dell'Olmo come sito idoneo ad ospitare la discarica sostitutiva di Malagrotta: “Certamente non invoco l'impiego delle forze dell'ordine o tantomeno dell'esercito. Ma se purtroppo ci sarà bisogno del loro intervento, immagino che ci sarà".
“I provvedimenti adottati vanno fatti rispettare - ha aggiunto Sottile - siamo in uno Stato democratico e serio. Mi rendo conto dello stato d'animo delle persone ma mi rendo purtroppo conto anche della disinformazione che circonda la cultura del rifiuto. Purtroppo appena si cerca di fare qualcosa insorge subito il 'comitato del no' e la situazione si complica". Il prefetto Sottile ha sottolineato che quella di Pian dell' Olmo "è una scelta definitiva, non abbiamo tanto tempo per girare da un sito all'altro, siamo in urgenza. La decisione è presa. Ovviamente, laddove gli accertamenti che vengono immediatamente disposti dovessero dimostrare che il sito non è idoneo, vedremo. Ma tanto se troviamo un altro sito, ci saranno nuove proteste. C'è questo atteggiamento psicologico nei confronti dei rifiuti che certamente ostacola. Io sono prontissimo a incontrare tutti coloro che ragionano e non strillano su questo problema".

PROTESTE - Questa mattina, oltre ad aver bloccato la via Tiberina, i manifestanti hanno rallentato il traffico di via Flaminia attraversando lentamente il semaforo e provocando code e rallentamenti. La situazione sulla strada sembra - afferma la polizia stradale - essere tornata alla normalità.

COMITATI – Intanto, i coordinamenti che si battono contro la discarica a Pian dell'Olmo hanno inviato una petizione online all'Unione Europea contro i "gravi inadempimenti rispetto alle Direttive Comunitarie in tema di gestione dei rifiuti con riferimento alla individuazione di una nuova discarica per rifiuti presso 'Pian dell'Olmò a ridosso del comune di Riano". "Noi cittadini di Roma Nord uniti in diversi comitati civici - si legge nella petizione a firma di 'Riano No discarica', 'Sos discarica Riano' e 'Comitato Rifiuti Zero Riano' - chiediamo la possibilità di essere ricevuti urgentemente dal Parlamento Europeo come già occorso per i cittadini dei comitati di Corcolle al fine di poter fornire alla commissione europea tutti gli elementi utili alla comprensione dei gravi inadempimenti in tema di rifiuti che insistono sulla scelta di 'Pian dell'Olmo come sito di discarica a fronte della procedura per la chiusura di Malagrotta".

RESIDENTI - “Bruceremo le nostre tessere elettorali". I manifestanti sulla via Tiberina contro la realizzazione hanno poi annunciato l'ennesimo atto di protesta, questa volta contro l'immobilismo politico, che sarà messo in atto alle 18 nel presidio a due passi dalla cava. Anche oggi i manifestanti continuano a intonare cori contro le istituzioni, chiedendo a gran voce un incontro con Sottile. "Gli invieremo una lettera ufficiale - spiega Gianluca Crostella, del comitato 'Riano No Discarica' - vogliamo essere ricevuti per spiegare la nostra posizione". Intanto c'é chi si é incatenato ad una croce proprio a due passi dalla cava di Pian dell'Olmo, mentre televisioni, giornalisti e fotoreporter continuano a seguire da vicino l'evolversi della situazione, soprattutto in vista della manifestazione di domani a piazza del Parlamento, alla quale - oltre ai sindaci - parteciperanno tutti i cittadini che si battono contro la discarica. All'inizio della prossima settimana, inoltre, i primi cittadini della Valle del Tevere, insieme con quello di Monterotondo e con il presidente del XX Municipio, incontreranno il prefetto Giuseppe Pecoraro, che poco meno di due settimane fa ha rassegnato le dimissioni da commissario straordinario per l'emergenza rifiuti, lasciando il posto proprio a Goffredo Sottile.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pian dell'Olmo, Sottile pensa all'esercito. I residenti: "Bruciamo le tessere elettorali"

RomaToday è in caricamento