rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Castelverde Castelverde / Via di Lunghezzina

Lunghezzina: ancora nel degrado la scuola mai aperta di via Monte Michelangelo

Agli inizi del mese di dicembre la commissione urbanistica capitolina ma da quella data nessun intervento, nemmeno la bonifica dell’area

“Una grande delusione, ad oggi ancora nessun intervento di bonifica nonostante lo avessero garantito”. Gli abitanti di Lunghezzina che vivono nei dintorni della scuola mai aperta di via Monte Michelangelo denunciano amarezza e disincanto. Rispetto a quanto annunciato durante l’ultima commissione urbanistica capitolina, nell’area a est di Roma, non si è mosso nulla.

La vegetazione ha superato le staccionate, l'erba e gli arbusti ormai sono cresciuti a dismisura quasi nascondendo la struttura: il plesso scolastico è blindato nel degrado tra i timori dei residenti. La costruzione dell’immobile è stata ultimata dieci anni fa, da quella data la scuola ha subito un abbandono progressivo che ha causato deterioramento alle pareti, atti vandalici e occupazioni.

Nei mesi scorsi, la vicenda è finita in Comune, prima sul tavolo della commissione trasparenza e poi su quello della commissione urbanistica. “Completiamo la scuola di via Monte Michelangelo” era stato, in sintesi il messaggio lanciato dal presidente della commissione Carlo Maria Chiossi.

In quella occasione, il comitato Periferie Roma Est aveva chiesto che l’area intorno alla struttura venisse bonifica, ovvero si provvedesse almeno allo sfalcio dell’erba: “Non abbiamo chiesto la costruzione di un grattacielo – ha commentato Flavio Mancini del comitato – E’ un intervento di facile realizzazione, chi vive qui lo merita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunghezzina: ancora nel degrado la scuola mai aperta di via Monte Michelangelo

RomaToday è in caricamento