menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Portici di piazza Vittorio

Portici di piazza Vittorio

Ambulanti, ancora proteste: "Stop a spostamenti delle bancarelle da piazza Vittorio"

Operatori in via dei Cerchi sotto il dipartimento Commercio per chiedere lo stop alle delocalizzazioni delle bancarelle dell'Esquilino: "Prima Cafarotti ci incontri"

Ancora proteste dagli ambulanti romani. Ieri pomeriggio Angelo Pavoncello, vicepresidente vicario e portavoce Ana (Associazione Nazionale ambulanti) si è riunito con alcuni operatori in via dei Cerchi, sotto la sede del dipartimento Commercio, per chiedere l'immediato stop agli spostamenti delle bancarelle di piazza Vittorio. 

Le prossime in calendario nel fitto programma dell'amministrazione per quanto riguarda le delocalizzazioni delle postazioni commerciali su area pubblica, quelle non compatibili con il decoro urbano e il codice della strada. 

"Il direttore del dipartimento capitolino Commercio si è impegnato a sospendere gli spostamenti delle postazioni degli ambulanti di via Ferrari e piazza Vittorio fino a quando non incontreremo l'assessore Cafarotti" ha detto Pavoncello all'agenzia di stampa Dire. "Gli atti che riguardano lo spostamento presentano una serie di incongruenze". 

Le associazioni di categoria, ha poi precisato ancora, "hanno chiesto l'intervento della Questura per chiedere che l'assessore Cafarotti ci incontri. Al momento l'assessore non c'è e ci hanno assicurato che le postazioni non verranno delocalizzate fino al nostro incontro con lui". 

Pavoncello, come rappresentante di categoria, ha portato avanti una dura battaglia nelle scorse settimane anche sul fronte degli urtisti, i commercianti di souvenir allontanati dalle postazioni di Fontana di Trevi. Una protesta passata anche per una denuncia alle forze dell'ordine da parte del presidente della commissione Commercio Andrea Coia, a suo dire aggredito da un gruppo di ambulanti a seguito di un'accesa riunione in Campidoglio. Sul punto la mobilitazione non è però bastata, il Comune ha tirato avanti e i banchi sono stati spostati come annunciato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento