rotate-mobile
Cronaca Pietralata / Viale Altiero Spinelli

Il business delle marmitte rubate: ancora ladri in azione sulle auto in sosta

Quattro i ladri sorpresi dai carabinieri a Torre Angela ed al Nomentano

Un business che non accenna a diminuire. Ancora ladri di marmitte nella Capitale con quattro predoni arrestati in flagranza di reato mentre smontavano i catalizzatori delle auto in sosta al Nomentano e nella periferia est della Capitale. A rendere appetibili le marmitte i "metalli preziosi" contenuti nei vecchi catalizzatori, platino, palladio e rodio. Fogli e rivestimenti di metalli che sul mercato nero sono rivenduti a caro prezzo.

Ladri di marmitte al Nomentano 

La scorsa notte, nel corso di un mirato servizio finalizzato alla repressione dei reati predatori, i Carabinieri della Stazione Roma Nomentana hanno arrestato due cittadini romeni, di 21 e 22 anni, entrambi senza fissa dimora e già noti alle forze dell’ordine sorpresi ad armeggiare sotto un’autovettura regolarmente parcheggiata lungo viale Altiero Spinelli, nelle adiacenze dell’ingresso secondario della stazione F.S. Tiburtina. Alla vista dei militari, i due sono saliti a bordo della loro auto, in sosta nelle vicinanze e hanno tentato la fuga con un catalizzatore che erano riusciti a smontare ma sono stati immediatamente bloccati. 

La successiva perquisizione del loro veicolo ha permesso ai Carabinieri di rinvenire altri 5 catalizzatori, sequestrati unitamente a un seghetto elettrico e un crick che stavano utilizzando. Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Ladri catalizzatori

Catalizzatori a ruba a Torre Angela 

Sempre ieri, invece, sono finiti in manette altre due persone, di 26 e 36 anni, entrambi di origini catanesi, bloccati dai Carabinieri della Stazione Roma Tor Vergata mentre stavano tagliando una marmitta con un seghetto elettrico in modo da rubare il catalizzatore di una Smart parcheggiata all’interno del piazzale della fermata metro “Linea C” Torre Angela. La successiva perquisizione effettuata sull'autovettura in uso agli arrestati, ha consentito ai militari di rinvenire altri cinque catalizzatori che, a seguito di accertamenti sono risultati rubati. Gli arrestati, sono stati accompagnati in caserma, dove resteranno in attesa del rito direttissimo per rispondere dell’accusa di furto.
 

Morto schiacciato sotto un'auto all'Appio Tuscolano

Appena il 10 agosto scorso, un tentativo di furto di un catalizzatore finì in tragedia, in via Montefalco, all'Appio Tuscolano, dove i Carabinieri della Compagnia di Roma Piazza Dante trovarono il cadavere di un 42enne albanese sdraiato accanto ad un’autovettura in sosta. L’uomo era rimasto schiacciato dal veicolo durante il furto del catalizzatore a causa del cedimento del crick. Il complice che era con lui, lo abbandonò sul posto senza nemmeno chiamare i soccorsi ma fu identificato, rintracciato e denunciato dai Carabinieri, qualche giorno dopo, con le accuse di furto aggravato in concorso e omissione di soccorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il business delle marmitte rubate: ancora ladri in azione sulle auto in sosta

RomaToday è in caricamento