Coronavirus, rischio assembramenti: chiuse le stazioni metro Spagna e Flaminio

Anche domenica controlli dedicati al rispetto del distanziamento sociale ed all’uso dei dispositivi di protezione individuale

Controlli dei carabinieri a piazza di Spagna

Rischio assembramenti, per questo a partire dalle 12:13 di domenica 15 novembre è stata predisposta la chiusura delle stazioni Spagna e Flaminio della linea A della metro con i treni in transito senza fermarsi.

Una chiusura annunciata nel corso della settimana dal Comitato per l'ordine e la sicurezza presieduto dal Prefetto di Roma Matteo Piantedossi, "funzionale" al dispositivo previsto per il contingentamento delle presenze sulle vie dello shopping dalle 10:00 sino alle 20:00. Una misura che nella giornata di sabato, primo giorno con accesso contingentato nelle via del Tridente e del Centro Storico della Capitale era servita in parte, con le stazioni riaperte poco dopo le 17:00. Gli orari di chiusura anche per la giornata di domenica potrebbero variare in base alle disposizioni delle Forze dell'Ordine. 

Domenica a rischio assembramenti che segue un sabato dove nel complesso le misure attuate per evitare le scene dello scorso weekend di affollamenti e assembramenti in via del Corso e sul litorale romano hanno dato i loro frutti. Mille gli appartenenti alle forze dell'ordine fra polizia di Stato, polizia di Roma Capitale, carabinieri, guardia di finanza e protezione civile sia appiedati che auto e moto montati a presidio delle zone a rischio. 

Sono per questo proseguiti anche il 15 novembre i servizi disposti con apposita ordinanza dal Questore di Roma, dedicata al rispetto del distanziamento sociale ed all’uso dei dispositivi di protezione individuale.  I controlli oltre che nel centro storico, e nelle aree dello shopping di via Cola di Rienzo, Viale Giulio Cesare e Piazza Risorgimento, si sono estesi anche ai parchi cittadini e in particolare nelle centralissime Villa Borghese e Villa Ada.

Protagoniste del controllo dei parchi sono state le pattuglie del reparto a cavallo della Polizia di Stato insieme ai bikers, e alle pattuglie appiedate. Particolare attenzione anche sul litorale romano per evitare assembramenti e ressa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al fine di evitare che, in alcune vie o piazze, si potessero creare assembramenti a causa di un numero di persone eccessivo, l’accesso alle stesse è stato filtrato o interdetto a cura delle Forze di Polizia, anche attraverso l’uso di transenne dedicate con le pattuglie impegnate, nelle situazioni di maggior rischio, che hanno utilizzato dei messaggi pre-registrati da diffondere attraverso i sistemi acustici delle autovetture di servizio. 

Dopo un sabato mattina di poca affluenza dei romani, nel pomeriggio di ieri sono state necessarie delle brevi chiusure all’altezza di largo Goldoni, largo dei Pontefici e piazza del Parlamento così da far defluire le persone che transitavano su via del Corso con le misure che nel complesso hanno portato ai risultati auspicati da Prefettura e Questura. 

In tale contesto la Polizia Locale di Roma Capitale ha attuato una vigilanza anti-assembramenti finalizzata anche a verificare il rispetto delle regole da parte dei locali pubblici e delle attività commerciali. Una ventina le violazioni riscontrate nel corso dei controlli serali, soprattutto da parte di minimarket, per la vendita di alcolici fuori orario, e di alcuni esercizi che hanno continuato a somministrare cibo e bevande sul posto oltre l’orario consentito. Altri illeciti hanno riguardato il mancato uso dei dispositivi di protezione da parte dei dipendenti dei locali e l’assenza di prodotti igienizzanti. Una decina invece le persone sanzionate per il mancato uso della mascherina.

Blocco del traffico a Roma 

Romani che in questa atipica domenica hanno fatti i conti non solo con gli accessi contingentati ma anche con la domenica ecologica ed il divieto totale della circolazione ai veicoli dotati di motore endotermico, nella ZTL "Fascia Verde" nelle fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento