Grottarossa

Tunisini di passaggio a Roma: per loro tre strutture. Tensione a Grottarossa

Da Caserta a Roma, il Parco Papacci a Grottarossa il punto di arrivo. I residenti e il presidente del XX municipio però non ci stanno e protestano. Alcuni dei tunisini sarebbero fuggiti

Anche Roma fa la sua parte nell'accogliere i profughi tunisini sbarcati nelle scorse settimane a Lampedusa. Sono infatti transitati ieri in città circa 150 immigrati, giunti, di passaggio, nella Capitale da Caserta. Un arrivo a sorpresa che ha mandato su tutte le furie il Sindaco Alemanno e il presidente del XX municipio Giacomini.

LA GIORNATA DI IERI - Già, perchè ieri i tunisini sbarcati sono stati prima portati in zona Grottarossa, per essere ospitati in una casa famiglia di 4 piani, poi ritenuta inadatta. Successivamente l'accoglienza è stata allestita al Parco Papacci. Duro il presidente Gianni Giacomini che a "La Repubblica" dichiara: "Nessuno ci ha avvertiti, non sapevamo nulla. Sono qui con i cittadini della zona per impedire che i profughi vengano alloggiati". I cittadini in segno di protesta ieri sono arrivati a bloccare il traffico.

Intorno alle 18 è arrivata la presa di posizione di Alemanno: "Ribadisco ancora una volta che a Roma non possono essere portati profughi e clandestini provenienti dal Nord Africa. Nella nostra città ci sono già 8000 tra rifugiati e richiedenti asilo, oltre a circa 2000 nomadi e rumeni nei campi abusivi che stiamo già sgomberando. Per questo mi sono messo immediatamente in contatto con la Protezione civile per trasferire altrove i circa 100 tunisini adulti che sono stati portati, senza alcun preavviso, nella zona di Grottarossa. Sono perfettamente d’accordo con il presidente del XX Municipio, Giacomini".


LA SOLUZIONE
- A quel punto la soluzione trovata è stata quella si smistare gli immigrati in via della Riserva Nuova a Ponte di Nona e in due parrocchie, una a Torre Gaia e una sempre nella zona di Grottarossa. Dopo la manifestazione degli abitanti di Grottarossa e i momenti di tensione, prima del trasferimento nelle nuove strutture, alcuni tunisini sarebbero scappati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tunisini di passaggio a Roma: per loro tre strutture. Tensione a Grottarossa

RomaToday è in caricamento