OstiaToday

Elettrosmog, D'Ausilio: "Mai più casi come la Torre Acea di Ostia"

Il consigliere del Pd di Roma Capitale: "Dal 2007 c'è un accordo con i gestori per una nuova dislocazione che è stato rinnovato nelle intenzioni nel gennaio 2015"

L' aula di Roma Capitale ha votato ieri un Ordine del Giorno sul 'Regolamento per la localizzazione, l’installazione e la modifica degli impianti di telefonia mobile'.

"Con queste nuove norme bisognerà evitare casi di elettrosmog come quelli della Torre Acea di Ostia, dove sono proliferate stazioni radio mobili e dove sono stati accertati sui cittadini casi di patologie legate ad una sovraesposizione da emissioni elettromagnetiche", dichiara in una nota il
consigliere capitolino del Pd Francesco D' Ausilio.

"Dal 2007 c'è un accordo con i gestori per una nuova dislocazione che è stato rinnovato nelle intenzioni nel gennaio 2015 e al quale ora bisogna dare seguito definendo in tempi brevi un piano per la ricollocazione con una verifica di fattibilità tecnica e amministrativa. Infine si da mandato al Sindaco e alla Giunta di promuovere presso gli enti preposti un monitoraggio nell'area per verificare la quantità di emissioni e una rigorosa indagine epidemiologica sui cittadini", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento