Sabato, 18 Settembre 2021
Garbatella Tor Marancia / Via Roberto Scott

C'era una volta Parco Scott: l'area verde dell'Ardeatino è una selva impraticabile

Oltre alle solite panchine divelte ed ai vialetti sconnessi Parco Scott deve fronteggiare un'incontrollata ricrescita vegetativa

Una panchina sepolta nel verde. Foto associazione

Non è mai stato agevole percorrere parco Scott. La bellissima aree verde che si erge su una collina sopra l'ex Cartiera Latina, si sta trasformando in una boscaglia impraticabile. Ai vialetti storicamente sconnessi ed alla continua devastazione subita dagli arredi urbani, si somma ora un oltro problema. La ricrescita vegetativa nel parco appare infatti del tutto fuori controllo.

I bambini e l'erba alta

Gli appelli dei residenti continuano a non essere ascoltati. Sono proprio le zone a ridosso delle aree gioco che, paradossalmente, non vengono curate. "La situazione non è sicura – fa notare Massimiliano Giannocco, responsabile di Roma Liberale – l'erba è ormai troppo alta ed in alcuni punti sfiora un metro. Eppure sono tanti i bambini che frequentano quei luoghi. Abbiamo per questo scritto al Servizio Giardini, chiedendo che, se le risorse sono insufficienti, sia almeno garantita la manutenzione degli spazi più frequentati dai bambini. Purtroppo non abbiamo ottenuto alcuna risposta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello alla Sindaca

Anche il presidente dell'associazione Parco Scott, ha chiesto d'intervenire sulla preziosa area verde che fa da cerniera tra l'Ardeatino e l'Appia Antica. "L’erba è talmente alta che ricopre addirittura i cestini che traboccano ancora dei resti dei festini di Pasquetta – spiegava il 29 aprile il presidente di Parco Scott – mentre le panchine, messe 12 anni fa è mai manutenute, sono ormai solo un ricordo". L'intervento dei volontari che, autotassandosi, si prendono cura dell'area cani non può certamente arrivare a garantire la manutenzione dell'intero parco. Nel frattempo la natura avanza. E sottrae spazi alla fruizione di un parco apprezzato anche al di fuori del quartiere.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'era una volta Parco Scott: l'area verde dell'Ardeatino è una selva impraticabile

RomaToday è in caricamento