Derby story: Roma favorita, la Lazio sogna lo sgambetto

Le premesse per un derby spettacolo, tempo permettendo ci sono tutte

Prosegue il conto alla rovescia per Lazio-Roma. Rudi Garcia fa bene a non fidarsi dei biancocelesti, che in classifica sembrano sperduti nella nebbia. Da quando c'è Reja i vincitori dell'ultima Coppa Italia filano come un treno, sanno che è svanito il bonus presso i tifosi e pesano come macigni il 2-0 dell'andata e l'annata da record dei rivali condotti ancora una volta dal detestato capitan Totti. 

La Roma però sente puzza di bruciato anche perchè la differenza in classifica non ha condizionato i derby infischiandosene della logica della classifica. Maestro di cerimonia degli sgambetti a una Roma d'alta quota è, andando a ritroso, Delio Rossi: nel 2009 bastona 4-2 con sigillo di Kolarov una Roma in odore di scudetto e poco gli importa di arrivare poi a 13 punti dai cugini. Ancora meglio fa nel 2008: 3-2 con zampata assassina di Behrami in recupero e fa meno male il -27 finale. Scherzi da Delio anche nell'andata del 2007: da -17 impartisce una lezione di umiltà alla lanciatissima Roma di Spalletti con tre sberle di Ledesma, Oddo su rigore e Mutarelli con tanto di chiacchierato bagno notturno nel Fontanone del Gianicolo. 

>>> SPECIALE DERBY <<<

Ma a volte per creare la sorpresa basta anche un pari: nel 2004 da -16 la Lazio di Mancini rallenta 1-1 la Roma di Capello e il Milan arpiona lo scudetto. A parti inverse è l'epilogo del derby del 1999: dopo anni di disastri la Roma di Zeman sistema 3-1 la Lazio di Eriksson con doppietta di Delvecchio da -14 (con la vittoria da due punti) e per lo scudetto i biancazzurri dovranno aspettare un anno e il diluvio di Perugia.

Nel dopo scudetto di Liedholm inciampo laziale con due pari: 1-1 nel 1985 da -12 (che lenisce appena la retrocessione) e 2-2 nel 1984 da -11 con doppietta di D'Amico. Pochi le sorprese nel passato remoto: nel 1961 derby di ritorno alla Lazio con un 2-1 targato Rozzoni, brodino per il -21 finale. Una doppietta di Burini confeziona invece il 3-1 alla Lazio nel 1955 con gap finale di 11 punti mentre biancazzurri dispettosi anche 1937 con due vittorie nei derby a una Roma che chiude avanti di 12 punti. 

Il percorso inverso porta a considerare che la Lazio rispetta di più il ruolo di favorita quando ha ampio margine di vantaggio: doppia vittoria ad esempio (1-0 e 2-1) nella serie A 1951 che si conclude con +16 e la Roma retrocessa. Doppio successi anche negli anni dello scudetto di Maestrelli: 1-0 e 2-0 nel 1973 (+19), 2-1 e 2-1 con sigillo finale di Chinaglia nel 1974 (+14). Poche ma buone le vittorie giallorosse da favoriti: nel dopo scudetto di Capello (una sola sconfitta e 6 vittorie negli 11 derby) 2-0 e 5-1 con poker di Montella e cucchiaio di Totti nel 2002 chiuso a +17, poi 1-0 e 2-1 con doppietta di Vucinic nel 2010 chiuso a +28. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tifosi romanisti traggono buoni auspici dal fatto che allora come ora sulla panchina laziale c'è Reja. Ma strada facendo il navigato tecnico goriziano ha colmato il gap delle stracittadine: dopo avere perso quattro derby , infatti, ha vinto gli ultimi due contro Luis Enrique. Rudi Garcia studia la Lazio e sa che incontrerà una squadra ben diversa da quella sconfitta all'andata e che vale una classifica superiore. Le premesse per un derby spettacolo ci sono tutte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento