Magazine
Maratona di Roma
Maratona di Roma

Maratona di Roma: le modifiche alla viabilità e tutte le informazioni sull’edizione dei record

Gli atleti, la Coppa degli Ultimi, lo show delle Frecce Tricolori ma anche le strade chiuse al traffico e le linee bus deviate ecco tutte le informazioni

Manca sempre meno all’Acea Run Rome The Marathon, (start domenica 19 marzo ore 08:00) insieme alla staffetta solidale Acea Run4Rome e alla SN4IFUN Run Stracittadina Fun Race, quest’ultima aperta a circa 500 amici a quattrozampe grazie alla neonata Stracanina, che vedrà partecipare 30mila podisti.

Lo spettacolo

Prima della partenza i maratoneti saranno accolti dall’esibizione del tenore Carlo Assogna che intonerà le note dell’Inno Nazionale e del “Nessun Dorma e dal saluto delle Frecce Tricolori. Lungo il percorso non mancheranno le attrazioni dalle bande musicali alle majorettes a cui, per la prima volta nella storia di una maratona, si aggiunge il lavoro di realizzazione di un murales, che sarà completato entro il passaggio dell’ultimo concorrente. Acea Run Rome The Marathon sarà uno spettacolo per tutti grazie alla diretta su Sky Sport 1 e Sky Arena e 70 TV broadcast collegate da tutto il mondo

Maratona di Roma 2023: strade chiuse, bus deviati, divieti di parcheggio. Tutte le informazioni 

Record di iscritti

I 30mila atleti iscritti, di cui oltre 14mila maratoneti punteranno a battere il record del percorso segnato nella scorsa edizione dall’etiope Fikre Bekele in 2h06’48”, della connazionale Kebede Megertu Alemu il record femminile di 2h22’52” del 2019. La Maratona di Roma ha attratto gente non solo da tutta Italia (dal Lazio il maggior numeri di partecipanti) ma anche dal mondo, infatti il 57% degli iscritti sono stranieri ben 7525 provenienti da 118 Paesi. Fra gli stranieri i più presenti sono i francesi (1394 presenze), seguono gli atleti del Regno Unito (1140), americani (627). Degna di nota la presenza di spagnoli, islandesi, israeliani e sudafricani. 

Anche per quanto riguarda i runner solidali i numeri sono alto livello: la staffetta Acea Run4Rome conta quasi 1000 squadre iscritte per un totale di 4mila runner al via. Partenza differita per gli oltre 10mila partecipanti della SN4IFUN Run Stracittadina, accompagnati dalla carica di circa 500 cagnolini della Stracanina, un fiume di runner, allegria e solidarietà si riverserà per le strade della Città Eterna. Le donne della maratona sono quasi il 25% dei partecipanti, un dato in crescita di 3 punti percentuali.

I partecipanti

Alla corsa parteciperanno 20 top runner tra uomini e donne, 19 senatori (coloro che hanno partecipato a tutte le edizioni, ma anche Ermias Ayele etiope che correrà a piedi nudi, 175 pacer tra cui la romana Sara Vargetto, affetta da artrite idiopatica giovanile, l’ucraino Nicola Taran, Sammy Basso nato con la progeria e Viktoriia Gudyma, arrivata in Italia l’anno scorso, con il suo bimbo di 10 anni, direttamente da Varsavia dove si era rifugiata subito dopo l’inizio del conflitto tra Russia ed Ucraina. Occhi puntati su Antonio Rao (Atl. Monte Mario), il più maturo dei maratoneti in gara, che quest’anno si prepara a scrivere il primato nazionale di specialità per la categoria M90 mentre la donna più matura è la 85enne tedesca Ruth.

L’app 

I maratoneti, e non solo, potranno restare costantemente aggiornati sulla propria prestazione e quella degli altri concorrenti grazie all’App della Maratona di Roma, completamente gratuita. L'app diventa uno strumento fondamentale per vivere la maratona monitorare in diretta il tempo in gara e quello degli altri atleti (funzione disponibile anche a chi non partecipa alla corsa). Sull’app saranno disponibili il percorso in formato .GPX e approfondimenti sulle prestazioni dei corridori e si potranno anche scattare selfie da poter condividere sui social con elaborate e speciali cornici. 

Papa Francesco e la Coppa degli ultimi 

Un grande appassionato di sport e della Maratona di Roma è Papa Francesco. Il Santo Padre ha incontrato gli organizzatori benedicendo la Coppa degli Ultimi, una delle grandi novità della corsa. Il trofeo realizzato da Erwin Alfredo Bendfeldt che vive nella casa d’accoglienza Centro Caritas di Roma, sarà donato all’ultimo podista che transiterà in Piazza Pio XII-Pizza San Pietro, come simbolo di perseveranza, tenacia e di eguaglianza con i vincitori primi classificati. A chi taglierà per primo il traguardo invece sarà donata la medaglia che raffigura il Colosseo

La Maratona e la Sapienza

L’Università La Sapienza di Roma ha partecipato alla Maratona con una giornata dedicata agli studenti universitari e alla loro formazione. La Magnifica Rettrice Prof.ssa Antonella Polimeni ha voluto l’evento sottolineando l’impegno dell’ateneo nello sport e per un evento così importante come la maratona che parla di inclusione e sostenibilità. Questi temi sono stati trattati anche in diverse tavole rotonde come quella organizzata dal responsabile dell’Ufficio Stampa di Acea Run Rome The Marathon Cesare Monetti dal titolo “Sostenibilità e comunicazione grandi eventi” con un carnet molto ricco di interventi del Prof. Livio De Santoli, la Prof.ssa Barbara Mazza ed il Prof. Maurizio Petrangeli che si è soffermato sulla sostenibilità dei grandi eventi sotto diversi aspetti.

Alla giornata alla Sapienza ha partecipato anche Alessandro Onorato l’Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Moda e Turismo di Roma Capitale orgoglioso del grande evento sportivo e non che sarà la Maratona di Roma: “Acea Run Rome The Marathon è un appuntamento internazionale fondamentale per la promozione nel mondo di un’immagine moderna, attrattiva e inclusiva di Roma. Un grande evento non solo sportivo, ma anche turistico. Con appassionati italiani e stranieri provenienti da tutto il mondo che partecipano alla gara e hanno l’occasione di vivere il percorso nella città storica in una domenica senza auto, in totale serenità. Roma ha un patrimonio storico, artistico e culturale inestimabile. Bisogna però valorizzarlo e fare in modo che generi lavoro, sviluppo economico, ricadute sulla società. A questo servono i grandi eventi, compresi quelli sportivi come la maratona. Un appuntamento che genera oltre 30milioni di indotto economico, con le strutture alberghiere che registrano un aumento delle prenotazioni in città di oltre il 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno senza eventi”.

Strade chiuse, bus e divieti di parcheggio 

Per la Maratona di Roma sono previsti divieti di transito e di parcheggio e deviazione di diverse linee dei bus. Fra le strade interessate al divieto di traffico troviamo fra le altre la Cristoforo Colombo, Via Portuense, Lungotevere Testaccio. Chiusura delle strade e deviazione dei bus a partire da sabato per gestire l'allestimento delle strutture necessarie allo svolgimento della maratona. Dalle ore 09:00 di sabato 18 marzo sarà chiusa via dei Fori Imperiali nel tratto compreso tra largo Corrado Ricci e piazza Venezia, mentre dalle ore 0.01 di domenica 19 marzo saranno chiuse al traffico anche via Celio Vibenna, e via di San Gregorio nel tratto compreso tra via piazza del Colosseo e piazza di Porta Capena, e via Cavour nel tratto compreso tra via dei Serpenti e largo Corrado Ricci. Deviate le linee 3bus-51-75-81-85-87-118-nMB-n3D e nMC. Il provvedimento della polizia locale indica anche le strade in cui è vietata la fermata. 

Maratona di Roma 2023: strade chiuse, bus deviati, divieti di parcheggio. Tutte le informazioni 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maratona di Roma: le modifiche alla viabilità e tutte le informazioni sull’edizione dei record
RomaToday è in caricamento