Politica

Coronavirus, l'ordine dei medici alza la voce: "Su 13mila liberi professionisti, solo 700 vaccinati"

L’appello alla Regione, affinché le asl operino in maniera comune

Immagine di archivio

“Nel Lazio, dove la maggioranza (oltre l'80%) dei camici bianchi che lavorano nel Servizio sanitario nazionale hanno fatto la prima e in molti casi anche la seconda dose, tra i 13mila medici liberi professionisti che hanno richiesto il vaccino, solo poco più di 700 sono stati vaccinati”. A denunciare la condizione dei medici che lavorano in prima linea per combattere il Covid-19, è l’ordine di categoria professionale. Non solo, per l’ordine manca anche una strategia comune tra le asl.

“Uno scandalo, con i vaccini fatti ai non aventi diritto si sarebbe potuto largamente vaccinare i medici libero professionisti e gli odontoiatri che prestano un servizio a tutela della salute dei cittadini e che corrono per questo dei rischi”. Lo ha detto Antonio Magi, presidente dell’ordine dei medici di Roma, ai microfoni di Adnkronos Salute: “L'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato - ha aggiunto Magi - ci ha garantito che tutti i medici saranno vaccinati entro febbraio. Speriamo vivamente che ciò accada"

Inoltre: "Ma intanto chiediamo che le Asl operino in maniera comune, non come abbiamo visto in queste settimane con modalità così diverse, creando differenze nelle differenze. Solo così le parole dell'assessore potranno diventare realtà" ha aggiunto. Nel Lazio, ha ricordato Magi, ad oggi, sono stati vaccinati "167.970 operatori sanitari e sociosanitari, 17.976 non sanitari, 16.576 ospiti e operatori delle Rsa, 4.130 over 80".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'ordine dei medici alza la voce: "Su 13mila liberi professionisti, solo 700 vaccinati"

RomaToday è in caricamento