menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccini, nel Lazio arrivano le prime dosi negli studi di medicina generale. Ecco il nuovo piano aggiornato

In settimana al via anche le prenotazioni dei vaccini anti-Covid riservate alla fascia over 70. Dall'otto marzo, invece, possibilità per i nati nel 1956 e nel 1957 di prenotarsi anche sul sito della Regione

Finalmente si parte. Nel Lazio da lunedì primo marzo comincerà la nuova fase, quella delle vaccinazioni anti Covid da parte dei medici di medicina generale (Mmg). Al momento, secondo quanto si apprende, sono disponibili 80 mila dosi che su 4 mila medici di base del Lazio fanno circa 20 dosi distribuite per ciascuno. A Roma, tra gli studi interessati, ce ne sarà uno al Trullo e altri nella Asl Rm1.  

"Si partirà dai nati nell'anno 1956 (65 anni) con il vaccino AstraZeneca. Prevediamo una partenza lenta a causa della mancanza delle dosi di vaccino", aveva spiegato venerdì l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Al momento poco più di un terzo dei Mmg del Lazio si sono detti disponibili a vaccinare presso i loro studi. L'assessore D'Amato si è detto fiducioso che nelle prossime ore questa percentuale possa sensibilmente aumentare, fatto sta che lunedì arriveranno le prime dosi ma per le inoculazioni - almeno su larga scala - ancora c'è da aspettare.

L'avvio della campagna vaccinale negli studi medici

A vedere il bicchiere mezzo pieno anche Roberto Ieraci, responsabile scientifico della campagna vaccinale dell'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio che, al termine del webinar formativo con i medici di base andato in scena sabato, ha così commentato: "C'è stata una straordinaria partecipazione per l'avvio della campagna, una grande adesione ed una voglia di partecipare. Siamo consapevoli che partiremo con un numero ridotto di dosi a disposizione, ma è importante comunque dare un segnale e una risposta ai cittadini. Ci sono state molte domande sulle modalità di somministrazione e le tempistiche, ma i medici di medicina generale sono pronti a partire. Tutti i vaccini a disposizione sono sicuri ed efficaci".

Secondo quanto si apprende, saranno i medici di famiglia a selezionare e a contattare telefonicamente i loro assistiti. Come detto si partirà con i 65enni, poi a ritroso si scenderà di età. La speranza della Regione - e di tutti - è che le dosi in arrivo aumentino nelle prossime settimane in modo da accelerare le somministrazioni. Al momento per ogni medico sono previste venti dosi a settimana, come per la campagna antinfluenzale.  

Vaccini a Roma e nel Lazio: quando, dove, come prenotare. Tutte le informazioni

Continuano i vaccini nel Lazio

Sempre domani, nel Lazio, partiranno anche le vaccinazioni sull'isola di Ponza per gli over 80. Giovedì 4 marzo invece si svolgeranno le vaccinazioni sull'Isola di Ventotene. Parallelamente continuerà anche la vaccinazione delle forze dell'ordine e degli insegnanti presso i centri vaccinali della Regione. Per quanto riguarda gli over 80 del Lazio, invece, sabato è stata "raggiunta la quota delle 108mila vaccinazioni. Siamo la Regione che ha vaccinato di più. E' prioritario mettere in sicurezza gli anziani", ha detto D'Amato. 

Da lunedì al via vaccinazioni a Ifo-Regina Elena a pazienti onco-ematologici

Prendono il via lunedì anche le vaccinazioni per i pazienti oncologici ed ematologici presso l'Istituto Tumori IFO - Regina Elena. Saranno oltre 3.000 i pazienti, cui si aggiungeranno i pazienti del San Gallicano in cura per patologie gravi e con terapie immunosoppressive. In meno di 4 settimane si conta di completare la somministrazione alle persone individuate dai responsabili delle unità cliniche degli Ifo. 

"Gli Ifo si confermano, anche in questa battaglia contro la diffusione del Covid-19, centro di riferimento per i pazienti ultravulnerabili affetti dalle patologie oncologiche, ematologiche e in cura con farmaci immunosoppressivi presso gli Istituti", ha detto D'Amato.

Le date per le prenotazioni

In settimana, invece, ci sarà la possibilità di effettuare le prenotazione anche per altre fasce d'età. Come ha spiegato l'Unità di Crisi Covid-19 della Regione da giovedì 4 marzo partiranno le prenotazioni per i soggetti estremamente vulnerabili (individuati dal piano strategico del Ministero della Salute) che ancora non sono stati programmati dalle strutture dove sono in carico.

La prenotazione potrà essere effettuata sul portale della Regione Lazio 'Prenota vaccino Covid', sarà necessario il codice esenzione per patologia e la tessera sanitaria. Prosegue anche la prenotazione dei vaccini per classi di età e da venerdì 5 marzo sarà il turno delle classi d'età 79 e 78 anni (nati nel 1942 e 1943) anche coloro che compiono gli anni nell’anno solare. Per la prenotazione sarà necessaria la sola tessera sanitaria.

Da lunedì 8 marzo sarà possibile, oltre che dal proprio medico di medicina generale, prenotarsi anche sul sito della Regione le dosi per le classi d'età 65 anni e 64 anni (nati 1956 e 1957). Per la prenotazione sarà necessaria la sola tessera sanitaria. "Stante le dosi attualmente disponibili le prenotazioni potranno essere programmate anche dopo i 30 giorni", sottolinea l'Unità di Crisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento