Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

Vaccini, antinfluenzale e terza dose insieme: via libera del Ministero alla doppia iniezione

Il Ministro Speranza: "Anche quest'anno la vaccinazione antinfluenzale sarà molto importante per proteggere al meglio soprattutto le persone più fragili"

Dopo la circolare ministeriale la Regione Lazio è pronta a somministrare contemporaneamente antinfluenzale e richiamo Covid già da prossima settimana. A dirlo è l'assessore alla sanità Alessio D'Amato che, nel bollettino sui contagi da Coronavirus a Roma e nel resto delle province laziali, ha spiegato come il Lazio già dall'inizio di questa settimana tutti gli over 80 che hanno diritto alla terza dose potranno riceverla insieme al vaccino antinfluenzale.

Il Ministero della Salute ha così preso una decisione ufficiale, nella giornata di ieri. "In considerazione dell'avvicinarsi della campagna di vaccinazione anti-influenzale, è possibile che alcune categorie di soggetti per le quali la vaccinazione antinfluenzale stagionale è raccomandata siano allo stesso tempo eleggibili per la vaccinazione contro la Sars Cov 2. Sarà possibile programmare la somministrazione dei due vaccini, nel rispetto delle norme di buona pratica vaccinale, nella medesima seduta", si legge in una nota.

"Anche quest'anno la vaccinazione antinfluenzale sarà molto importante per proteggere al meglio soprattutto le persone più fragili", le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza. La Regione Lazio è pronta a partire con la doppia inoculazione a chi ne avrà bisogno. I medici di medicina generale stanno ricevendo in queste ore le dosi di antinfluenzale. Nel Lazio è iniziata nelle Asl la distribuzione delle prime 700mila dosi di vaccino antinfluenzale che servirà tutta la settimana.

"Le farmacie ospedaliere hanno ricevuto il vaccino e si stanno apprestando in queste ore a distribuirlo ai Medici di Medicina Generale. Data la numerosità dei medici tale operazione può aver bisogno di alcuni giorni e comunque verrà interamente completata entro questa settimana. I medici, non appena in possesso delle dosi di antinfluenzale, possono iniziare le somministrazioni alla popolazione over 65. Per quanto riguarda gli anziani over 80, la somministrazione può avvenire contestualmente alla dose di richiamo Covid nella medesima seduta, così come previsto dalle direttive del Ministero della Salute", ha spiegato la Regione in una nota. 

Nel frattempo, le prenotazioni della terza dose di richiamo del vaccino anti Covid nel Lazio proseguono (come prenotarlo). Stando ai dati forniti dalla Regione, sono stata effettuate già 20 mila somministrazioni, il 20% dell'intero Paese.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, antinfluenzale e terza dose insieme: via libera del Ministero alla doppia iniezione

RomaToday è in caricamento