rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Attualità

Attacco hacker, slitta la ripartenza: il Lazio prepara nuovo sistema Cup e rilancia prenotazioni per i vaccini

Gli accertamenti che la Polizia Postale sta portando avanti su delega della Procura di Roma sull’attacco che ha colpito il Ced regionale si stanno svolgendo in collaborazione con l’Europol e l'Fbi

Da una parte le indagini - che continuano serrate - dall'altra i tecnici della Regione e di Lazio Crea al lavoro per ripristinare i servizi base, e non tenere offline il sistema informatico regionale. Ripartenza sì, ma con uno slittamento di 24 ore rispetto a quanto annunciato martedì scorso sulla riapertura delle prenotazioni e dell'anagrafe vaccinale. Il ripristino, sicuro, del sistema informatico del Lazio, anche con l'aiuto degli specialisti della polizia postale, non sarà facile.

Quando sarò on line il sito della Regione Lazio

Il cronoprogramma aggiornato, stando ai diversi comunicati diffusi ieri dalla Pisana, è chiaro. Almeno nelle intenzioni. Ieri l'assessorato alla Sanità ha annunciato che entro breve verrà riattivata l'intera anagrafe sanitaria condivisa con quelle locali e aziendali in un nuovo server, poi sarà la volta del fascicolo sanitario elettronico. Entro venerdì tornerà  operativo il servizio di prenotazione vaccini. Entro la fine della prossima settimana sarà riattivato il nuovo sistema Cup, il vero cuore del sistema. Difficile dire, invece, quando sarà on line tutto il resto del sito regionale

"I dati sono in sicurezza"

"Nel 2018 la Regione Lazio ha aderito ad una convenzione (rinnovata negli anni)  di Consip con un'Ati con capofila il gruppo Leonardo. - si legge in una nota della Pisana - La convenzione ha come oggetto esclusivamente servizi di governance nell’ambito della progettazione di un Security Operation Center per definire processi e procedure e offrendo supporto anche nell’ambito di ciò che attiene alla normativa sulla protezione dei dati personali (GDPR)".

Nessun dato dell'anagrafe vaccinale regionale è stato sottratto

"Il Next Generation Soc di Leonardo - continua la nota- è stato ingaggiato da Laziocrea sin dalle prime battute dell’attacco hacker attraverso attraverso il Cyber Crisis Management Team (CCMT), costituito da figure specialistiche, per identificare le modalità di compromissione, eradicare la minaccia e seguire il ripristino dei sistemi. I dati e le informazioni - conclude la nota- riguardanti le circa 7 mln di vaccinazioni effettuate fino ad ora nel Lazio sono in sicurezza".

Prenotazioni presso Asl e ospedali

A tutt'oggi infatti questi servizi possono essere prenotati solo presso Asl e ospedali. Proprio come accade al Policlinico Umberto I dove è stato attivato un Centro di prenotazione temporaneo per le prestazioni ambulatoriali con priorità breve e urgente: cali center attivo da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 16.30 (06/49977960-947). Oppure nella Asl Roma 3 che ha informato l'utenza, sulle modalità del rilascio della certificazione del Green Pass consigliando l'accesso al sito del Ministero della Salute: "Nel caso non sia possibile scaricare la Certificazione con le suddette modalità, gli utenti della ASL Roma 3 (residenti) che hanno effettuato il vaccino Covid 19 presso un Centro Vaccinale della ASL Roma 3, possono contattare la ASL, per rappresentare le proprie criticità, al seguente recapito, 0694356861", si legge

Nel frattempo le indaini che la Polizia Postale sta portando avanti su delega della Procura di Roma, si stanno svolgendo in collaborazione con l'Europol e l'Fbi. Le indagini che oltre a chiarire l'origine dell'attacco puntano anche a verificare eventuali similitudini con attacchi con ransomware cryptolocker avvenuti in Italia e anche all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco hacker, slitta la ripartenza: il Lazio prepara nuovo sistema Cup e rilancia prenotazioni per i vaccini

RomaToday è in caricamento