menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palazzetto dello sport di Cesano, un contenzioso frena l’opera: "Mancano anche i fondi per completarlo"

L'impianto rimasto incompiuto dal 2009 verso un nuovo stallo: così il cantiere fantasma rischia di rimanere tale e trasformarsi in pericolosa attrazione per adolescenti

Il palazzetto dello sport di Cesano rischia di rimanere un’opera fantasma. Sull’impianto sportivo della periferia del Municipio XV si abbatte un nuovo stop. E’ quanto emerso dalla commissione Trasparenza capitolina: la cui seduta ha delineato una situazione piuttosto complessa. 

Palazzetto dello Sport di Cesano bloccato da "contenzioso e assenza fondi" 

“Da una parte è in atto il contenzioso con l’impresa che da due mesi ha smobilizzato completamente il cantiere. Dall’altra nel piano investimenti del bilancio di Roma Capitale, votato lo scorso febbraio in aula Giulio Cesare, non sono stati previsti finanziamenti per il completamento dell’opera, impedendo di fatto i successivi interventi previsti all’interno dello stabile e l’affidamento della gara per la realizzazione delle aree esterne” - hanno fatto sapere Marco Palumbo, presidente della commissione Trasparenza e Agnese Rollo, consigliera del Municipio Roma XV.

Cesano, il palazzetto dello sport incompiuto dal 2009

Nel palazzetto dello sport di Cesano ad inizio anno è stata finalmente completata la copertura. “Nel corso del 2020 abbiamo fatto ripartire i lavori e oggi l'opera compie un altro passo importante” - così aveva commentato il presidente della commissione Sport di Roma Capitale, Angelo Diario. Poi il nuovo stop. L’ennesimo. Già perchè quell’impianto tra cantiere a intermittenza, blocchi e contenziosi è rimasto incompiuto dal 2009. Nel 2015, sotto la Giunta Marino, il finanziamento di 1 milione e 700mila euro per dare inizio alla seconda fase dei lavori, due anni dopo la conferma dei fondi dal Campidoglio nel frattempo diventato grillino. Gara espletata e cantiere riavviato nel settembre del 2017, poi ancora uno stop dovuto ad un contenzioso tra la ditta vincitrice dell’appalto e il Comune a far ripiombare l’opera nello stallo totale. Il riavvio dei lavori nell’agosto del 2020, ad iniziare dalla copertura. 

Il cantiere fantasma pericolosa attrazione per adolescenti

Oggi ancora è ancora impasse. “Al contenzioso e all’assenza di fondi per il completamento si aggiunge la più preoccupante: la mancata sorveglianza del cantiere” - denunciano Palumbo e Rollo. Il palazzetto incustodito già in passato si era infatti trasformato una pericolosa attrazione per gli adolescenti di zona più volte immortalati in arrampicate da brividi. 

“In attesa che degli esiti del contenzioso, con una previsione di tempi non brevi, è fondamentale che l’amministrazione capitolina si impegni seriamente ad inserire nella prima variazione di bilancio utile i fondi per affidare gli esterni e completare gli interni di un’opera che attende di diventare un luogo di sport e cultura in periferia da troppo tempo”.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento