EurToday

Buche, al Torrino c'è una strada chiusa da quasi un anno: "Entro 15 giorni le indagini"

Da maggio ancora devono partire le prime verifiche

Al Torrino c'è una strada che dallo scorso aprile è stata chiusa al transito. Le trasenne impediscono infatti a pedoni ed automobilisti di percorrere interamente via Bonn. A distanza di quasi un anno, ancora non si conosce la causa di questo disagio.

L'interrogazione comunale

"Come da protocollo è stato richiesto all'amministrazione comunale un'indagine specifica per verificare le reali condizioni della strada che collega viale Città d'Europa al Torrino alto – fa sapere il capogruppo comunale di Forza Italia Davide Bordoni – dopo dieci mesi la strada è ancora chiusa, e i fondi che servirebbero al ripristino della viabilità non sono stati ancora stanziati né dal Comune né tantomeno dal Municipio". Per questo il consigliere ha presentato un'interrogazione in Campidolgio "per sapere quali  iniziative sono state attivate dagli uffici e cosa intendano fare".

La prima segnalazione in Municipio

L'iniziativa del consigliere Bordoni non è la prima che Forza Italia ha messo in agenda. Già a novembre il coordinatore municipale Pietrangelo Massaro aveva protocollato un'interrogazione alla Giunta D'Innocenti. "Ad onor del vero l'assessora ai Lavori pubblici rispose subito ma da allora la situazione è rimasta invariata e la strada continua ad essere chiusa".

La previsione disattesa

"Per scongiurare il rischio di crollo e l’eventuale successivo lavoro di consolidamento – aveva spiegato l'assessora municipale Cristina Maiolati, rispondendo alla richiesta di Forza Italia – è in via di completamento la procedura di appalto da parte del Dipartimento SIMU per l’indagine e verifica del sottosuolo che sarà completato nell’arco di un mese e i cui risultati daranno l’indicazione dei successivi lavori da svolgere. A seconda di quello che si evincerà dall'ispezione, si procederà poi compatibilmente con i fondi a disposizione di questa amministrazione, con l'eventuale riempitura della cavità o con il rifacimento del manto stradale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I motivi del ritardo

La questione si è protratta ben oltre il mese preventivato dall'assessora municipale ed è stata oggetto anche di una commissione Lavori Pubblici che si è svolta all'inizio della settimana in Campidoglio. " In quell'occasione – ha spiegato Maiolati –  il responsabile delle indagini del SIMU, ha annunciato che entro 15 giorni ci sarebbe stata l'indagine per capire la causa di quel dissesto stradale. Se finora non si è fatto è perchè c'è stato un ritardo  nell' assegnazione definitiva dei lavori alla ditta che era stata individuata per eseguirli . E' questo – ha concluso Maiolati – il motivo che ha determinato lo slittamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento