AurelioToday

Anche nel XVIII municipio in crescita i gruppi di acquisto solidale

Il primo gruppo è operante a Montespaccato ed è promosso dall'associazione “Felce e Mirtillo”. Un nuovo gruppo, attivo da gennaio, è invece attivo nella zona di Casalotti. Positivi per entrambi i risultati

L'alternativa ai carrelli della spesa riempiti al supermercato che dilapidano lo stipendio? I G.A.S. (gruppi di acquisto solidali) che spuntano in ogni municipio capitolino.  Anche nel 18° Municipio è sempre più diffusa la tendenza a riunirsi per fare la spesa di gruppo acquistando prodotti biologici direttamente dai produttori per una spesa di qualità a prezzi convenienti. Per un consumo di qualità a prezzi contenuti basta quindi auto-organizzarsi e by-passare la catena distributiva comprando all’ingrosso dal produttore, con la cosiddetta filiera corta.

Il primo gruppo, operante da circa 1 anno a Montespaccato (zona Boccea) promosso dall’associazione “Felce e Mirtillo”, è finalizzato ad un consumo di qualità che non sia un privilegio per pochi ma un diritto di tutti e si propone di acquistare presso aziende medio/piccole che privilegiano una produzione biologica e che difficilmente possono accedere alla grande distribuzione, monopolio di poche  multinazionali.

Comprando direttamente dai produttori locali (latticini di bufala del piccolo caseificio "le perle degli Angeli" di Magliano Sabina, mele e formaggio dell'azienda casale Nibbi di Amatrice, per fare degli esempi) c’è inoltre il vantaggio del risparmio perché la merce non subisce i rincari dovuti alla catena degli intermediari e alle spese del trasporto.

I membri del gruppo  d’acquisto si incontrano a cadenza settimanale per la raccolta dell’ortofrutta (risparmiando anche la metà rispetto ai prezzi di mercato: una cassetta di verdure miste da 5kg viene 9 €, da 10kg costa 16€, i polli sono allevati a terra e ingrassati naturalmente).

Nel quartiere di Casalotti c’è dallo scorso gennaio un altro gruppo di acquisto collettivo per il consumo di beni enogastronomici prodotti nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente. A gestire le ordinazioni l’Associazione di promozione sociale Spazio Etico, che aggiorna costantemente i membri del G.A.S. sulla qualità dei prodotti e su tutte le novità del mercato, organizza gli ordini e le consegne; partecipando inoltre agli incontri periodici organizzati dalla Cooperativa sociale Agricoltura Capodarco, distributrice dei prodotti ma anche produttrice di molti di essi.

La spesa viene consegnata direttamente a casa dei soci, creando un ulteriore vantaggio per il  risparmio di tempo e la diminuzione del flusso di traffico finalizzato all’approvvigionamento delle provviste.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento