menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Virtus deraglia e incassa la prima sconfitta casalinga. Brindisi vince per 63 a 87

Una dura lezione da apprendere e ricordare per il prosieguo della stagione

Roma si riaffaccia dopo quattro anni nel massimo campionato di pallacanestro davanti al pubblico amico e sceglie la via più difficile, la truppa di Bucchi non oppone alcuna resistenza contro la Happycasa Brindisi e si lascia travolgere sia dal punto di vista tecnico che agonistico.

Le attenuanti generiche non mancano di sicuro: le precarie condizioni fisiche di Jerome Dyson e l’infortunio di Tomas Kyzlink hanno inciso pesantemente sulla qualità della rotazione e la mancanza di terminali offensivi riconoscibili ha permesso agli ospiti di concentrare tutte le attenzioni sull’esordiente Davon Jefferson. La squadra è ancora alla ricerca di una precisa identità e alla prime difficoltà si è sciolta come neve al sole evidenziando limiti di lettura del gioco e di personalità di qualche componente del roster che deve metabolizzare il salto di categoria. Una sconfitta molto dura che potrebbe funzionare come supporto formativo e come campanello di allarme per un gruppo che ha certamente delle risorse a cui attingere ma che non legge ancora la stessa pagina del libro.

La prestazione è un passo indietro rispetto alla discreta gara in trasferta contro la Segafredo Bologna di qualche giorno fa, un esordio che aveva rinfrancato l’ambiente e che lasciava presagire un livello di competitività decisamente più elevato. Roma deve fare progressi sulla tenuta difensiva e sopra tutto deve lavorare sulla fisicità che per ora invoglia gli avversari ad aggredire la sua area più che a funzionare come un elemento di intimidazione. Il campionato è ancora molto giovane e non ha senso drammatizzare una prestazione negativa ma perdere senza metterci il cuore è spesso un peccato mortale che il pubblico fatica a metabolizzare. La partita si trasforma dal principio in un lungo film dell’orrore cestistico: pronti-via infatti gli ospiti mettono a referto un parziale di 8-0 che spegne immediatamente le velleità dei capitolini. La Virtus si dimostra contratta e una selezione al tiro erratica la trascina velocemente fuori dalla partita, alla Happycasa basta la normale amministrazione per disporre dell’inerzia dell’incontro. Il primo quarto si chiude sul 14-27 con 8 palloni persi per i ragazzi di Bucchi che non trovano risposte dal duo Dyson-Jefferson che si lasciano travolgere dalla pressione della difesa avversaria. I capitolini crollano velocemente dal punto di vista nervoso e cominciano a produrre qualcosa di interessante in attacco quando il distacco nel punteggio è già vicino ai 20 punti. Nel secondo quarto l’apporto di Giovanni Pini dalla panchina è senza dubbio interessante e va certamente aldilà delle fredde statistiche, il lungo scuote i compagni e mette a segno qualche giocata con una personalità che finisce per impressionare i tifosi. Coach Bucchi prova a rovesciare la partita provando diverse varianti tattiche ma la percentuale dal campo che resta sotto il 40% nei momenti chiave scava un solco che diventa presto impossibile da colmare. Brindisi sporca le linee di passaggio e banchetta in contropiede con grande facilità.

Nel secondo tempo il menu’ della gara non cambia e i romani si affannano per evitare una dolorosa imbarcata, dal punto di vista offensivo arrivano risposte interessanti da William Buford che si prende sulle spalle la maggior parte delle responsabilità balistiche e finisce per compensare la pessima mira di Alibegovic (3/10 al tiro) che almeno tiene botta sotto le plance. Delude l’eccessiva timidezza di Jefferson che non prende mai in mano le redini del gioco e finisce per spegnersi alla distanza senza troppa convinzione. Dyson appare claudicante ma è costretto a rimanere in campo per la mancanza di alternative e finisce per mettere assieme un mortificante 1/9 dal campo. In generale la squadra è oggettivamente difficile da valutare ed è probabilmente di un livello superiore rispetto a quanto dimostrato oggi, domenica prossima un nuovo turno casalingo contro Cremona potrebbe rappresentare una grande occasione per cogliere la prima vittoria e spegnere sul nascere malumori e polemiche. Per la Happycasa è stato tutto molto semplice e la grande vena di John Brown e la freddezza di Adrian banks e di Darius Thompson hanno esaltato il numeroso pubblico intervenuto in trasferta. I pugliesi hanno il potenziale per aggredire la seconda fascia del campionato mentre Roma deve già fare i conti con due sconfitte e deve prontamente rimettersi in carreggiata. Chi ha tempo non aspetti tempo e forse è già il caso di pensare a qualche innesto.

Tabellini

Virtus Roma: Jefferson 10, Buford 17, Baldasso 5, Dyson 5, Pini 8, Alibegovic 8, Rullo 8, Moore 2,
Farley, Cusenza NE,Spinosa NE, Kyzlink NE

Happycasa Brindisi: Brown 14, Banks 17, Martin 14, Radosavljevic 7, Zanelli, Iannuzzi, Gaspardo 8, Campogrande 5, Thompson 21, Cattapan 1, Ikangi
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento