Sport

Diede del gay a Brio: condannato lo speaker Marione

Il conduttore di "Te la do io Tokio" fece intendere, nel corso di una trasmissione radiofonica, che l'ex calciatore della Juventus, Sergio Brio avesse una relazione omosessuale con il giornalista Alessandro Cecchi Paone

Il noto speaker radiofonico giallorosso, Mario Corsi, meglio noto come Marione, è stato condannato al pagamento di una multa di 600 euro e a risarcire la parte lesa. Il giudice monocratico Angela Tursi della X sezione penale del tribunale della Capitale ha ritenuto Marione colpevole di aver fatto intendere, nel corso di una trasmissione radiofonica, che l'ex calciatore della Juventus, Sergio Brio avesse una relazione omosessuale con il giornalista Alessandro Cecchi Paone.

Si legge nella sentenza: "Durante una puntata del 27 febbraio 2007 dello show "Te la do io Tokio" dell'emittente Radio Centro Suono, "in seguito ad una interruzione pubblicitaria del programma, dedicato all'approfondimento sportivo in materia di calcio, sollecitava l'attenzione del pubblico degli ascoltatori su una circostanza non collegata ai temi ordinariamente del programma stesso, chiedendo un applauso per una presunta love story tra la parte lesa Sergio Brio ed il giornalista Alessandro Cecchi Paone".

"L'imputato proseguiva - si legge nella sentenza- esprimendo il suo disappunto con i suoi collaboratori di studio, per l'essere cambiato l'argomento della conversazione, ed in particolare pronunciando le seguenti parole: "vabbe ragazzi, ma siamo passati dalla dittatura del proletariato a due froci?".


Corsi è stato condannato oltre che al pagamento della multa anche a quello delle spese processuali ed al risarcimento dei danni morali nei confronti di Brio, che si è costituito parte civile con gli avvocati Alessandra Parrini e Gianluca Arrighi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diede del gay a Brio: condannato lo speaker Marione

RomaToday è in caricamento