rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
0 °
Sport

Roma-Napoli, cori razzisti contro i napoletani: l'arbitro sospende la partita

La gara dopo un paio di minuti è ripresa con Dzeko che ha invitato i tifosi della Roma ad applaudire

L'arbitro Gianluca Rocchi ha sospeso la gara tra Roma e Napoli al 68' minuto allo stadio Olimpico di Roma per cori discriminatori nei confronti dei tifosi napoletani e il giocatore Koulibaly. Un gesto forte che, in pochi minuti, è diventato virale. 

Palla all'arbitro e tutti a centrocampo. In precedenza, dopo i primi cori discriminatori, c'era stato un avvertimento tramite l'altoparlante dell'Olimpico.

La gara dopo un paio di minuti è ripresa con Dzeko che ha invitato i tifosi della Roma ad applaudire ed è finita regolarmente, con la vittoria dei padroni di casa. A fine partita, il coro incriminato, è però nuovamente ripetuto.

La Roma ora rischierà una multa, ma non solo. In caso di sospensione definitiva avrebbe potuto incappare anche in un 3 a 0 subito a tavolino. 

Quella di Rocchi è stata una decisione dura, coraggiosa, come ha sottolineato Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu: "Deve finire il tempo degli stadi- prosegue il parlamentare di Leu- come luoghi senza regole e in cui ciascuno puo' dire e fare quello che gli pare. E solitamente quello che gli pare si chiama razzismo, purtroppo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma-Napoli, cori razzisti contro i napoletani: l'arbitro sospende la partita

RomaToday è in caricamento