Lunedì, 2 Agosto 2021
Sport

Lottomatica ko a Biella: l'Angelico è ancora stregato

Brusca frenata alla rimonta in classifica degli uomini di Boniccioli. La truppa di Bechi vede giallorosso e si ricorda di sapere vincere, tornando al successo dopo 5 ko di fila. Discreto l'esordio di Dragicevic

Biella allunga la striscia di vittorie con Roma, la truppa di Bechi torna alla vittoria dopo due mesi complicati (con 5 sconfitte consecutive sul groppone) e costringe i romani a frenare bruscamente la rincorsa in classifica.

La Virtus si conferma ancora una volta eccessivamente fragile in trasferta, i capitolini non riescono a capitalizzare una notevole superiorità tecnica e fisica e si lasciano travolgere dall’entusiasmo e dall’intensità della squadra di casa.
La partita è segnata da un incredibile serie di parziali e controparziali, un fattore che oramai sta diventando abituale nelle gare virtussine; Roma è persino capace di incassare un grottesco 20-2 nel primo tempo per poi reagire e confezionare un break a favore in doppia cifra.

Questo continuo elastico favorisce chiaramente Biella con gli ospiti perennemente costretti ad inseguire, l’Angelico gioca un basket solido ma abusa continuamente della zona perimetrale del campo, Roma si lascia sopraffare sotto le plance da Garri (a fine gara arriverà una preziosa doppia-doppia) ed a causa del rendimento balbettante di Jaaber e di Hutson (0-3 dal campo nei primi due quarti) si lascia travolgere da Smith (esiziale come assist-man) e dalle triple e dalle capacità di corsa del giovane Chessa.

Alla ripresa delle ostilità è notte fonda per la Lottomatica, gli avversari gestiscono con calma un comodo vantaggio in doppia cifra e si permettono il lusso di amministrare i problemi di falli di Smith.

A riaprire i giochi ci pensa una estemporanea fiammata di Hutson che in nello spazio di pochi minuti mette a referto 8 punti consecutivi, il lungo romano impatta la partita che ritorna in equilibrio proprio alla vigilia del quarto periodo.
Boniciolli riceve indicazioni confortanti da Giachetti (il migliore dei suoi) ma deve fare i conti con un Jaaber indecifrabile e col solito dilemma rappresentato da Vitali che pur mostrando interessanti progressi non è ancora riuscito a far compiere il sospirato salto di qualità in cabina di regia. 

Negli ultimi minuti Roma colleziona una impressionante serie di ingenuità difensive che valgono la partita, il backcourt avversario composto dal solito Smith e dalla novità Chessa (alla gara della carrieta con 19 punti) confeziona la tripla che chiude la contesa mentre l’ex Garri giganteggia a rimbalzo.

A rendere un poco incerto l’esito della partita interviene Minard, il guizzante esterno romano ha la mano calda e con una tripla dopo un bel recupero riaccende le speranze degli ospiti, speranze poi vanificate da sciagurate scelte difensive nei secondi finali.

Biella vince con merito una partita in cui ha fatto a meno di Diaz costringendo Roma a restare in una zona di classifica pericolosa in chiave playoff, la truppa di Bechi si conferma l’incubo della Lottomatica.
La rincorsa virtussina continua senza apparente soluzione di continuità, ma la squadra (come evidenziato dal coach a fine gara) manca di un leader ed a quanto pare di una rotazione consolidata.
Boniciolli ha provato a vincere con diverse alchimie tattiche, ha cercato di responsabilizzare i suoi giocatori più rappresentativi, ma ancora una volta non ha ricevuto risposte confortanti.            
 
Angelico Biella - Lottomatica Roma 85-80
(22-19, 46-38, 64-61, 85-80).
ANGELICO: Soragna 9, Ceccarelli ne, Maggiotto ne, Ona Embo 4, Garri 15, Plisnic 0, Chessa 19, Smith 17, Aradori 12, Achara 4, Pasco 5. All.: Bechi.
ROMA: Giachetti 12, Gigli 5, Jaaber 6, Tonolli ne, Hutson 8, Crosariol 1, Dragicevic 16, Datome 5, De La Fuente ne, Winston 10, Minard 12, Vitali 5. All.:Boniciolli.
Arbitri: Facchini, Chiari, Crescenti.  
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lottomatica ko a Biella: l'Angelico è ancora stregato

RomaToday è in caricamento