Vaccini, nel Lazio quasi tutti i bimbi sono in regola: coperture intorno al 98%

I dati del ministero della Salute. Da oggi scattano sanzioni e allontanamenti dalle classi per i bambini non in regola con le vaccinazioni

Immagine d'archivio

Coperture intorno al 98%. La regione Lazio risulta tra quelle con l'estensione maggiore di bambini vaccini in età pediatrica, dagli zero ai 2 anni. Il dato è stato fornito dal ministero della Salute.  

"Il Lazio è la Regione al top a livello nazionale superando di gran lunga la copertura del 95%. Il dato arriva oltre il 98% per il vaccino contro il polio, la difterite, il tetano, epatite B e la pertosse e oltre il 97% per il morbillo, la parotite e la rosolia" commenta in una nota l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. 

"Un risultato straordinario raggiunto grazie ad uno sforzo importante dei centri vaccinali e grazie alla creazione nel Lazio dell'Anagrafe vaccinale. Ora - conclude - va mantenuta alta l'attenzione per continuare questo importante lavoro a tutela della salute dei più piccoli"

Ricordiamo che a partire da ieri era l'ultimo giorno buono per la presentazione dei certificati delle vaccinazioni in originale. Per quanto riguarda i nidi e le materne, le famiglie che non hanno ottemperato alle misure di legge saranno costrette, da oggi, a tenere i bambini a casa. Sanzioni fino a 500 euro invece per i non vaccinati delle classi della scuola dell'obbligo. 

"Siamo fieri che il Lazio si attesti in cima alla classifica nazionale" commentano in una nota i medici della Cipe - Confederazione italiana pediatri del Lazio. "I numeri fanno registrare oltre il 97% di vaccinati per morbillo, parotite e rosolia e, addirittura - aggiungono - il 98% relativamente alle somministrazioni contro il polio, la difterite, il tetano, l'epatite B e la pertosse. Ora è determinante implementare la sinergia tra le varie Asl e i pediatri di libera scelta per puntare a coperture importanti anche per l'antivaricella, lo pneumococco e il meningococco quadrivalente. In questa direzione - continuano - la nostra Confederazione si è già messa al lavoro lungo un cammino condiviso, attraverso un accordo concluso con la Asl Roma 2 mentre è in attesa di definitiva approvazione quello con la Asl Roma 1"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concludono i pediatri: "Come già accaduto con i presidi di Viterbo e Rieti con altre sigle sindacali, l'obiettivo comune è quello di completare la sinergia tra noi pediatri e tutte le Asl della Regione Lazio per tutelare la salute dei bambini in maniera completa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento