Stefano De Lillo su Alemanno: “Intrighi, doppi giochi, tradimenti”

Stefano De Lillo commenta l'esclusione del fratello dalla giunta: "Sono nauseato e amareggiato. Mio fratello è in Campidoglio da tre consiliature e non ha ceduto alle sirene della sinistra"

Stefano De Lillo, senatore del Pdl, non usa mezzi toni per definire l'operato di Alemanno e nel parare dei nuovi membri della giunta comunale: “Intrighi, doppi giochi, tradimenti, incontri notturni, campagne acquisti di consiglieri". Un "romanzo" del Pdl romano "fatto di accordi di palazzo, prevaricazione, sete di potere".

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Madama, Stefano De Lillo commenta sì la nuova squadra, ma non manca di far notare l'assenza all'interno di questa del frattello, Fabio De Lillo:  “Berlusconi incontrando Alemanno gli aveva ribadito la volontà di salvaguardare l'assessore Fabio De Lillo, che ha operato bene.”

"Nei giorni della crisi dai dirigenti nazionali del Pdl ho avuto ascolto e solidarietà. Si era convenuto di evitare - aggiunge De Lillo - una crisi comunale di questo tipo. E invece...". E invece il sindaco, sostiene De Lillo, con un "clamoroso autogol", si è comportato come un "allenatore che cambia a uno a uno i giocatori senza il consenso del presidente e degli elettori-tifosi. Ci aveva incontrato giovedì pomeriggio in Campidoglio e ci eravamo lasciati con la volontà di ritrovarci. Ma nella notte - racconta - in un incontro segreto, ha chiuso un accordo con alcuni soggetti di cui è ignota l'identità. Però la palla è rotonda - aggiunge il senatore - temo per Alemanno che prima o poi il presidente e i tifosi si stufino e decidano di cambiare l'allenatore".

Quello che è avvenuto a Roma è in definitiva, secondo De Lillo, "un tradimento della democrazia elettiva e del volere popolare". Ma anche un tradimento "personale", dal momento che, racconta il senatore, il rapporto con Alemanno era cementato da anni di comuni battaglie politiche: "Sono nauseato e amareggiato. Mio fratello è in Campidoglio da tre consiliature, al contrario di tanti altri non ha ceduto alle sirene della sinistra quando governava Veltroni, nel 2008 ha avuto 10 mila voti. E viene eliminato da fuoco amico". "Il sindaco ora dice che mio fratello Fabio non ha rappresentanza in Consiglio comunale - conclude De Lillo, che annuncia per mercoledì una conferenza stampa del fratello sui risultati del mandato - Ma la realtà è che Alemanno in persona ha telefonato nei giorni scorsi a un consigliere comunale disposto a supportare Fabio, per dirgli di non farlo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento