Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Alemanno Bis: “Oggi in consiglio Comunale c'è solo il Pdl”

Alemanno parla della nuova giunta dichiarando di avere gli stessi obiettivi di prima: decoro e sicurezza. Croppi? "Non aveva più appoggi in consiglio" mentre: "La Destra di Storace ha la bava alla bocca"

Il sindaco Gianni Alemmano parla della nuova giunta comunale: “Gli obiettivi sono gli stessi ma con la nuova giunta si raggiungeranno prima e saranno più solidi”. Le dichiarazioni sono state fatte stamattina durante un'intervista con Maurizio Belpietro su Canale 5, in cui ha ribadito di puntare su: “Decoro e sicurezza della città e progetti veri di modernizzazione della capitale.”

Alla domanda su possibili alleanze o aperture ad altri partiti Alemanno ha risposto che: “Mentre alla Regione Lazio c'è un accordo con l'Udc oggi in consiglio comunale c'è solo il Pdl. Noi non abbiamo bisogno di altri voti. Solo col Pdl e la mia lista civica abbiamo 37 voti su 70.” Quindi lancia un affondo al partito di Storace: “La Destra di Storace in questo momento ha la bava alla bocca, strilla costantemente perché non ha avuto l'assessore però ho spiegato loro che non c'era spazio nei 12. L'Udc ha promesso una posizione costruttiva e ci auguriamo che lo faccia a differenza del Partito democratico che almeno fino adesso ha manifestato solo una volontà distruttiva.”

Il sindaco ha parlato anche del grande escluso dalla giunta Alemanno Bis, Croppi l'ormai ex assessore alla cultura che ha “pagato” il suo passaggio a Fli in un Campidoglio aderente al Pdl: “Croppi ha lavorato bene, tutti lo riconoscono, però in consiglio comunale non aveva appoggi a causa della sua scelta di vicinanza a Fli e le sue scelte culturali. Non c'era un solo consigliere ad appoggiarlo. Anche in questo caso abbiamo fatto una scelta di radicamento in consiglio e nella città.”

Al giornalista che aveva definito il neo assessore alla Cultura di Roma Capitale Dino Gasperini una persona 'vicina all'Udc' Alemanno ha risposto: "Dino Gasperini non fa parte dell'Udc ma fa parte del Pdl da tre anni. Quindi è una parte del nostro partito".

Una parentesi a parte è quella della questioni rifiuti. Anche qui Alemanno non si tira indietro e, una volta aver passato alla regione il problema della discarica di Malagrotta, dichiara: “Non ci sarà il rischio di un'emergenza rifiuti nella capitale. Con Renata Polverini stiamo già lavorando per avviare un'alternativa a Malagrotta - ha aggiunto - Non ci dobbiamo mettere sulla stessa scia di coloro che con la politica del no a questa discarica e no a quest'inceneritore hanno creato il disastro di Napoli. Essendoci sia il centrodestra in Regione che in Comune non percorreremo la strada seguita dalla sinistra in Campania.”

Quindi la raccolta differenziata: “Da quando sono sindaco è passata dal 17% al 22%. Quindi l'abbiamo aumentata del 5% e già questo è un segnale. Dobbiamo arrivare al 35%. Bisogna ricordare - ha aggiunto - che ogni punto percentuale a Roma rappresenta un grande sforzo perché ci troviamo davanti ad una città con tre milioni di abitanti".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alemanno Bis: “Oggi in consiglio Comunale c'è solo il Pdl”

RomaToday è in caricamento