"Sgomberate la sede di CasaPound": il sindaco Pascucci scrive a Salvini e Raggi

Ad appoggiare la richiesta di Pascucci anche l'ANPI

“È incredibile che in Italia un partito politico possa avere una sede abusiva in un palazzo illegalmente occupato dal 2003, fare attività politica, conferenze stampa, convegni e inneggiare al fascismo, cosa che dovrebbe essere considerato un reato, almeno finché il ministro Fontana non farà cancellare la legge Mancino”. Queste alcune delle parole contenute nella lettera che il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, anche consigliere dell’area metropolitana, ha inviato al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, alla sindaca Raggi e al prefetto Basilone per chiedere lo sgombero del palazzo sede di CasaPound in via Napoleone III, 8. 

“Sgomberate la sede di CasaPound”

“Ci risulta che in quell'immobile vivano anche amici e parenti dei leader di partito – ha proseguito Pascucci lanciando una richiesta specifica al titolare del Viminale -  Sarebbe un bel segnale di legalità se il ministro Salvini venisse a via Napoleone III, magari indossando le felpe con gli slogan di Casapound, e spiegasse a queste persone che quel palazzo è del demanio e non può essere occupato e trasformato in sede politica. Lo farà o proseguirà ad inseguire gli immigrati che arrivano sui barconi?”. Infine: “Come sindaco io voglio essere tranquillo che il ministro dell'Interno intende far rispettare la legge ovunque questa venga infranta, senza andare a colpire qua e là”.

Al sindaco di Cerveteri l’appoggio dell’Anpi

A sostegno della richiesta del primo cittadini di Cerveteri arriva l’apporto dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani: “Il comitato provinciale dell’ANPI di Roma esprime il pieno appoggio al sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci e condividendo pienamente i contenuti e le motivazioni della richiesta, il comitato provinciale dell’ANPI di Roma li fa propri e li rilancia. Per questo ci aspettiamo una risposta forte e decisa”. Dall’Anpi: “Le leggi Scelba e Mancino sono pienamente in vigore, il governo ha confermato di volerle estendere, le autorità competenti sono tenute ad applicarle: le organizzazioni razziste e di stampo fascista vanno sciolte e non tollerate in locali pubblici. In uno Stato di Diritto non è sopportabile l’applicazione implacabile delle leggi solo per alcune categorie di persone e l’impunità per altre”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento