Partecipate, dai sindacati ultimatum a Raggi: "Ecco le nostre richieste o scontro prosegue"

Il segretario generale Cgil Roma e Lazio scrive a Virginia Raggi, comunica le condizioni per cessare lo scontro e la vertenza tra sindacati e Campidoglio

Approvare i bilanci di tutte le partecipate, ritirare la procedura di liquidazione di Roma Metropolitane e la gara a doppio oggetto per la Multiservizi. A una settimana dallo sciopero indetto dai sindacati contro Virginia Raggi, dalla Cgil, sempre diretto alla sindaca, arriva l'ultimatum. In una lettera, diffusa dall'agenzia di stampa Dire, scritta e firmata dal segretario generale di Roma e Lazio Michele Azzola, si chiede un altro incontro e si dettano una serie di condizioni necessarie per mettere fine allo scontro. 

"Nei giorni immediatamente precedenti allo sciopero delle societì partecipate - esordisce Azzola rivolto a Raggi - più volte Lei ha voluto rimarcare la necessità di aprire un confronto con le organizzazioni sindacali in merito al futuro delle società in parola e della città. In occasione dello sciopero, invece, ha accusato le stesse organizzazioni di essere autoreferenziali e non rappresentare gli interessi dei lavoratori ma di adoperarsi per interessi politici. E' evidente che consideriamo tali affermazioni del tutto prive di fondamento, atteso il fatto che non si comprenderebbe quali siano gli interessi politici che vorremmo perseguire".  

Raggi non aspetta il Tar: pronta nomina di Giovanni Mottura

Ecco l'elenco di richieste contenute nella lettera di Azzola a Raggi: "Ritiro della procedura di liquidazione per Roma Metropolitane e apertura di un confronto, da concludersi entro 60 giorni, in cui definire gli interventi necessari al rilancio dell'azienda e al mantenimento dei livelli occupazionali; ritiro della gara a doppio oggetto per i servizi di accoglienza, pulizia e assistenza degli asili nido e delle scuole dell'infanzia e avvio di un confronto per l'internalizzazione del servizio presso una società partecipata di 1° livello; approvazione, entro il 2019, di tutti i bilanci delle società partecipate e contestuale predisposizione, confronto e attuazione dei piani industriali e di quelli assunzionali; definizione di un piano "anti-emergenza" che porti nel medio periodo alla realizzazione della chiusura del ciclo dei rifiuti; apertura del confronto sul sistema di governance delle partecipate di Roma Capitale".

E ancora: "investimenti necessari a coprire il gap tra i chilometri previsti dal contratto di servizio con Atac e quelli realmente effettuati che determinano minori entrate per oltre 50 milioni di euro; Definizione di un progetto per il completamento della metropolitana C, con cui avviare un confronto con gli altri soggetti interessati a partire dal Governo e definizione della task force per riuscire a fare il bando, entro il 2020, del rifacimento delle linee A e B evitando di perdere i finanziamenti stanziati; Definizione di un protocollo per l'utilizzo e la regolamentazione degli appalti nelle societa' partecipate e sulla salute e la sicurezza sul lavoro".

Roma Metropolitane, mal di pancia nel M5s dopo il sì alla liquidazione

"Inoltre- conclude Azzola- reputiamo non piu' rinviabile l'apertura di un confronto sullo stato dei servizi pubblici erogati per ricercare soluzioni utili al rilancio della qualita' e alla ricostruzione di un rapporto virtuoso cittadini-lavoratori. Laddove la Giunta da Lei presieduta ritenesse utile avviare un confronto sulla base delle problematicita' sopra esposte, Le anticipiamo la totale disponibilita' ad aprirlo immediatamente. Nel caso in cui Lei intendesse procedere con scelte unilaterali e non condivise determinera', contemporaneamente, il proseguio della vertenza 'Roma non si liquida' attraverso tutte le modalita' di protesta necessarie a garantire l'interesse dei cittadini e dei lavoratori delle partecipate, che tali servizi dovrebbero garantire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento