Casa, blitz dell'estrema destra al Consiglio regionale: seduta sospesa

Una decina di attivisti di Roma ai Romani guidati da Castellino e di Forza Nuova hanno fatto irruzione alla Pisana. Al centro della protesta: "Applicare la legge sul Mutuo Sociale"

Il blitz alla Pisana (Foto Facebook Roma ai Romani)

Consiglio regionale sospeso questa mattina a causa di un blitz di un un gruppo di attivisti di estrema destra. Un decina di persone, appartenenti al gruppo Roma ai Romani, guidate da Giuliano Castellino, insieme ad alcuni militanti di Forza Nuova, hanno fatto irruzione nella seduta consiliare alla Pisana, in quel momento presieduta dal vicepresidente, Francesco Storace. "Oggi, insieme alle famiglie sotto sfratto ed in emergenza casa, chiediamo che venga finanziata e applicata la legge regionale del Mutuo Sociale (il sistema che permette alle famiglie l'acquisto di abitazioni pubbliche a canoni calmierati, ndr)" spiega Castellino in un post su Facebook. ""Non è possibile che migliaia di cittadini romani non abbiano un tetto sicuro sopra la testa" dichiara in una nota Valerio Arenare di Forza Nuova Roma.

Il blitz ha costretto il presidente Daniele Leodori a interrompere i lavori dell'Aula che in quel momento non era presente. Lo stesso presidente racconta che gli attivisti sono arrivati dall'ingresso laterale riservato ai consiglieri: "Sono entrati aggredendo un vigilante, minacciandolo. Questa non può essere una Assemblea 'presidiata', c'e' la presenza di qualche vigilante ma un'azione così a freddo di una decina di persone era inaspettata e non credo si possa dare responsabilità alla vigilanza che stava facendo il proprio lavoro. In futuro quell'entrata riservata ai consiglieri verrà trattata in maniera diversa" ha affermato il presidente in merito alla domanda sulla sicurezza. 

Dopo l'occupazione gli attivisti sono stati ricevuti dal vice presidente dell'Aula Storace, dall'assessore competente Fabio Refrigeri, dal capogruppo di Fratelli d'Italia Giancarlo Righini e dal capogruppo del PD Massimiliano Valeriani. "Abbiamo stigmatizzato la modalità, magari se avessero chiesto in modo diverso di essere ricevuti, abbiamo ricevuto sempre tutti... " il commento di Refrigeri. "Entrando nel merito il tema dell'emergenza abitativa nella sua globalità ha tante sfaccettature. Ho spiegato quel che abbiamo già fatto. Loro insistevano sul Mutuo sociale che è un'idea contenuta anche in una legge di questo Consiglio regionale. Facciamo un'istruttoria di 15 giorni- ha concluso- per capire anche rispetto alle risorse che ci sono e quelle che possono essere inserite. Tra una quindicina di giorni ci rivedremo spero in modalità normali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento