menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Pieve Fosciana (foto google)

Via Pieve Fosciana (foto google)

Magliana: uccide il cane dell’ex compagna e lo getta nel cassonetto

L’uomo è stato trovato in strada mentre danneggiava le auto in sosta con la gamba di un tavolino

Ha prima ucciso il cane dell’ex compagna, poi è sceso in strada lo ha gettato nel cassonetto ed ha cominciato a danneggiare le auto in sosta. E’ accaduto alla Magliana dove gli agenti del Reparto Volanti sono intervenuti in seguito alla segnalazione al 112 di un uomo in escandescenze in via Pieve Fosciana. 

All’arrivo della polizia l’uomo, un 48enne romano, è stato trovato con una ferita rispettivamente alla mano e al sopracciglio destro. Anche se agitato, perché come ha raccontato ai poliziotti era appena morto il suo cane - che aveva gettato nel vicino cassonetto -  l’uomo si è subito calmato alla vista degli stessi.

“Le ferite me le sono procurate da solo”, ha detto , proseguendo nel suo racconto, “sfasciando il mobilio del mio appartamento”.

La storia ha tuttavia assunto dei contorni diversi, quando l’ex compagna ha chiamato il commissariato San Paolo, gettando un’ombra sulla morte del suo Pincher, Bolla di due anni. Alcune persone le avevano infatti segnalato  le urla del 48enne “mo ti ammazzo“ insieme ai guaiti del cane,  e avevano indicato che l’uomo, ubriaco e molesto si trovava all’interno di un bar.    

Per la prosecuzione dell’attività investigativa i poliziotti hanno così effettuato, insieme  a personale della Polizia Scientifica, un sopralluogo all’interno dell’appartamento dove hanno trovato mobili rovesciati e distrutti – l’intero appartamento era a soqquadro – e vi era la presenza di tracce ematiche in tutte le stanze dell’abitazione.        

Per le ferite riportate il 48enne, che ha rifiutato il trasporto in ospedale, è stato medicato sul posto. La salma del Pincher, recuperata dagli agenti all’interno del cassonetto dove l’uomo l’aveva gettato, è stata affidata ad un veterinario della Asl e verrà custodita nel canile Municipale, in attesa dell’esame autoptico.

Al termine degli accertamenti, il 48enne romano, con precedenti di polizia, che stava vivendo nell’appartamento della sua ex compagna, attualmente all’estero, è stato indagato in stato di libertà per uccisione di animale e danneggiamento aggravato.

L’appartamento è stato posto sotto sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento