Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Torre Maura / Via dei Codirossoni

Rivolta Torre Maura, sabato a rischio tensioni: Anpi scende in piazza, ma in presidio c'è anche Casapound

Le due manifestazioni in contemporanea. Dal Pd l'appello al questore: "Vieti corteo neofascisti". E al presidio della sinistra aderisce anche il M5s

Foto Ansa

Casapound in via Codirossoni. Anpi e sinistra in piazzale delle Paradisee. A pochi metri di distanza, stesso orario. Le due manifestazioni previste per sabato 6 aprile a Torre Maura, teatro di 48 ore di scontri e violenze contro un gruppo di rom trasferiti in un centro di accoglienza, rischiano di alimentare ulteriormente le tensioni. L'Associazione nazionale partigiani ha comunicato che il presidio sarà alle 10 "con le associazioni, i movimenti, i sindacati e le organizzazioni democratiche" contro "il clima di odio e di violenza che sta sempre più prendendo piede, soprattutto nei quartieri problematici e periferici come Torre Maura". Roma, scrive l'associazione in una nota stampa, "Medaglia d'Oro al Valor Militare per i fatti della Resistenza, arginerà le idee, i sentimenti e le azioni razziste e intolleranti fomentate da gruppi fascisti, perchè Roma era, è e sarà sempre antifascista! Ora e sempre Resistenza!". 

Ma, dall'altra parte, sfilerà anche l'estrema destra. I neofascisti di Casapound si sono dati appuntamenti alle 10 e 30 proprio sotto il centro di accoglienza dal quale il Comune ha prelevato i rom per trasferirli in altre strutture del circuito comunale. "Siamo gli unici presenti nelle periferie e rigettiamo al mittente le accuse del sindaco Raggi. A fomentare odio e crea tensione è chi invece di portare risposte e soluzioni, scarica nei quartieri popolari decine di rom a spese dello Stato. Noi non facciamo passi indietro e sabato saremo nuovamente in piazza con i romani".

Già, ma il rischio che riesplodano tensioni è alto. E il Pd chiede lo stop della Questura. "Rivolgiamo un appello al questore a Roma la legalità deve essere sempre e ovunque garantita non si può continuare a permettere a chi semina ogni giorno odio verso le minoranze, intolleranza e razzismo di continuare a cavalcare il disagio sociale nei quartieri" dichiarano in una nota Andrea Casu, segretario Pd, e Antonio Senneca, responsabile antifascismo Pd Roma. "Chiediamo alle Istituzioni di rispondere fermamente all'azione dei fascisti del nuovo millennio e non autorizzare questa manifestazione: chi calpesta ogni giorno la Costituzione e i valori di Roma antifascista non puo' continuare a marciare sulle ferite della nostra città". 

anpi-torre-maura

Intanto nel pomeriggio è arrivata l'adesione del Movimento Cinque stelle Roma al presidio dell'Anpi: "Ci schieriamo con i cittadini di Torre Maura che non ci stanno ad essere definiti razzisti e ad essere rappresentati dall’estremismo di Casapound".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta Torre Maura, sabato a rischio tensioni: Anpi scende in piazza, ma in presidio c'è anche Casapound

RomaToday è in caricamento