"L'ostensione del mostro": spunta manifesto con Salvini, Bonafede e Battisti alla gogna

L'affissione su un chiosco di fiori del lungotevere de' Cenci è stata rivendicata dal Collettivo Militant: "due tronfi inquisitori di fronte ad una gogna"

Un manifesto rappresentante Matteo Salvini, Alfonso Bonafede e Cesare Battisti alla gogna con la scritta "L'ostesione del mostro". È quanto affisso nella notte del 17 gennaio su un chiosco di fiori di lungotevere de' Cenci, nella zona del Ghetto, in Centro Storico.

A rivendicarlo il collettivo Militant, con chiaro riferimento ai due ministri (dell'Interno e della Giustizia) che hanno atteso l'arrivo all'aeroporto militare di Ciampino (qui la notizia su Today) del terrorista rosso estradato dal Sud America dopo essersi allontanato dal Brasile dove aveva trovato asilo politico per poi essere catturato in Bolivia ed estradato in Italia

Allertate le forze dell'ordine, intorno alle 11:00 di questa mattina, una pattuglia del I gruppo Trevi della Polizia Locale ha individuato il manifesto di 2.50 x 2.50 metri, raffigurante i ministri in Lungotevere de' Cenci 4, attaccato ad un fiorario. Sul posto personale del PICS della Polizia Locale che, dopo i dovuti accertamenti, ha avviato le procedure per la rimozione. Presente anche la Polizia di Stato con gli agenti del Commissariato Trevi.

Il manifesto è stato rivendicato dal Collettivo Militant che ha poi postato sulla propria pagina facebook lo stesso poster con la didascalia "Nun je da' retta Roma". "Dopo la cattura di Cesare Battisti i due ministri cosplayers, mascherati per l’occasione da poliziotto e secondino, hanno inscenato uno spettacolo grottesco che ha riportato indietro di qualche secolo le lancette della giustizia italiana". 

"L’ostensione del “mostro” in pubblica piazza - spiegano ancora dal Collettivo Militant - l’esposizione della preda davanti alle televisioni nemmeno fosse un trofeo di caccia, la spettacolarizzazione dell’arrivo in aeroporto trasformato in uno show per le telecamere con tanto di palchetto autocelebrativo… fino ad arrivare alla realizzazione del video della vergogna. Nessuno si era mai spinto fino a questo punto". ù

"Nemmeno i peggiori ministri democristiani nel periodo più buio delle leggi speciali erano scesi fino a questo livello. Per questa ragione questa mattina abbiamo voluto celebrare lorsignori affigendo nei pressi del Ministero di Grazia e Giustizia un quadro che li ritrae così come sono: due tronfi inquisitori di fronte ad una gogna"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento