La storia del maxi scontrino si sgonfia, ma il locale viene sanzionato per altre irregolarità

Controlli dei vigili anche sulle ricevute. Confermata la versione del ristorante: le turiste giapponesi hanno consumato anche una grigliata di pesce il cui prezzo era regolarmente indicato

foto facebook

Ha fatto il giro del web la vicenda del maxiscontrino emesso dall'Antico Caffè di Marte e postato da 2 turiste giapponesi, chiamate a pagare un conto da 430 euro per due piatti di spaghetti cacio e pepe. Questo quanto riferito da loro e scritto sullo scontrino postato. Già, perché ieri l'avvocato Carlo Scorza, legale dei titolari del ristorante, era intervenuto precisando che "le due turiste giapponesi hanno consumato  oltre al primo piatto 'tonnarelli cacio e pepe', due grigliate di pesce fresco misto, contorno di grigliata di verdure, oltre bevande e servizio al tavolo e, addirittura, in occasione del pagamento, hanno elargito ai camerieri una mancia di 80 euro".

Locale attenzionato da tempo

La circostanza è stata confermata a RomaToday da fonti della Polizia Locale che da tempo attenzionano il locale per questioni legate all'occupazione del suolo pubblico. Ieri l'ennesimo controllo che ha portato alla chiusura momentanea, per mezza giornata, della struttura. Perché solo mezza giornata? Si apprende dai vigili che, appurata la violazione, viene disposta la chiusura per 5 giorni. Il titolare però può riaprire in qualsiasi momento, previa il ripristino dei luoghi secondo il rispetto dell'occupazione effettivamente concessa ed ovviamente fatta salva la multa comminata per le violazioni.

La chiusura

Il locale era già stato sottoposto a controlli amministrativi il 2 settembre scorso dagli agenti del I Gruppo Trevi della Polizia Locale di Roma Capitale e sanzionato con la chiusura per 5 giorni per occupazione irregolare di suolo pubblico. Ieri, nel corso di un altro controllo, sono nuovamente emerse irregolarità dello stesso genere e quindi il titolare è stato  sanzionato con un nuovo provvedimento di chiusura fino alla  comunicazione dell'avvenuto ripristino dello stato dei luoghi. 

Controllati gli scontrini

I controlli non si sono fermati al suolo pubblico. Sempre da fonti di Polizia Locale RomaToday apprende che è stato scandagliato anche il tariffario del ristorante, evidenziando la presenza del cosiddetto 'servizio' nelle ricevute rilasciate alle due turiste. Ricordiamo che per legge il servizio nel Lazio non va fatto pagare. Passate al setaccio anche le ricevute, tra cui appunto quelle delle 2 turiste giapponesi. Confermata la versione dell'avvocato Scorza: oltre agli spaghetti, le due turiste hanno consumato una grigliata di pesce a peso, il cui prezzo (appunto al peso) era stato regolarmente indicato. 

"Singolare" è stata definita dall'avvocato del ristorante "la circostanza che nessuna contestazione è sorta al momento del pagamento avvenuto in data 4 settembre 2019 e che, solo a distanza di oltre venti giorni, le due turiste si siano ricordate di contestare il conto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento