menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Casal Bruciato, istigazione a delinquere per motivi di odio razziale: la Procura apre indagine

Il fascicolo è contro ignoti, per l'ondata di proteste violente dei giorni scorsi contro una famiglia rom

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine, che al momento non contiene indagati, per istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, in relazione ai fatti di Casal Bruciato, dove diversi manifestanti hanno cercato di impedire a una famiglia rom di prendere possesso di una casa popolare regolarmente assegnata dal Comune. Ricoprendo i membri della famiglia di pesanti insulti. 

Al centro della polemica in particolare le espressioni forti usate da un giovane partecipante alle proteste, che inveendo contro la madre rom che rientrava a casa con la figlia in braccio avrebbe urlato, come documentato in un video dell'agenzia di stampa Dire, "troia" e ancora "ti stupro". Il ragazzo, vicino a Casapound, ha poi negato di aver pronunciato parole simili. E anche di appartenere al gruppo di estrema destra, nonostante una serie di foto su Facebook lo ritraggano tra i presenti a una colletta alimentare organizzata dal movimento. 

Intanto questa mattina un esposto sui fatti di Casal Bruciato è stato presentato in Procura da Simone Sapienza, segretario di Radicali Roma, Carlo Stasolla, presidente associazione 21 luglio e Valentina Calderone, direttrice di A Buon Diritto, insieme all'avvocato Francesco Mingiardi, candidato radicale di +Europa nella circoscrizione Centro.

"Denunciare ciò che è accaduto a Casal Bruciato e gli altri episodi fotocopia portati avanti nei mesi scorsi, ci sembrava l'unico modo per tentare di fermare questa spirale di violenza spaventosa e gratuita che si sta ingigantendo nella Capitale - spiega Simone Sapienza - faremo tutto il necessario per impedire che una manciata di fascisti continui a perpetrare istanze razziste e xenofobe sulla pelle di persone indifese, senza che nessuno muova un dito per impedirlo. Quello che è successo non può passare sotto traccia, non è più possibile girarsi dall'altra parte". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento