Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Via Macchia dello Sterparo

Prima l'esplosione poi l'incendio, così sono morti Angelo e Mario Bernardini

Accertamenti in corso sulle cause della deflagrazione. Fra le ipotesi quella di una fuga di gas

I soccorritori sul luogo della tragedia

Prima l'esplosione poi l'incendio. Sono morti così Angelo e Mario Bernardini, padre e figlio di 51 e 21 anni. La tragedia si è consumata intorno alle 21:00 di sabato 23 marzo in una villetta a Frascati. Miracolosamente illesa la moglie, una 47enne, che si trovava in camera da letto al momento della deflagrazione.

I soccorritori sono intervenuti sabato sera in via Macchia dello Sterparo, in seguito a decine di segnalazioni fatte al 112 su due esplosioni ravvicinate, con il fragrore udito a decine di chilometri di distanza. Intervenuti sul posto vigili del fuoco, ambulanze del 118 e carabinieri, al piano terra dell'immobile di due livelli sono stati trovati i corpi privi di vita di Angelo e Mario Bernardini, guardia giurata il primo e studente il secondo. 

Sotto choc la moglie e madre del ragazzo, trovata fuori dalla villetta. In casa con loro abitava anche il figlio di 17 anni, al momento della tragedia non presente nell'abitazione. Spento l'incendio e messo in sicurezza lo stabile secondo i primi accertamenti dei vigili del fuoco l'esplosione potrebbe essere stata innescata da una bombola del gas ad uso domestico, che si trovava al piano terra dove in quel momento c'erano padre e figlio. 

Svolgendo ulteriori accertamenti i pompieri hanno rilevato la presenza di tracce di polvere pirica. Non si esclude che le "due esplosioni ravvicinate", come riferito da alcuni testimoni, siano collegate ad una manipolazione di polvere pirotecnica. Al momento le indagini sono ancora in fase di conclusione. 

Resta la tragedia familiare, con gli abitanti del Comune dei Castelli Romani scossi dalla morte dei loro due concittadini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima l'esplosione poi l'incendio, così sono morti Angelo e Mario Bernardini

RomaToday è in caricamento