rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca San Lorenzo / Largo degli Osci

San Lorenzo, ennesima notte di malamovida: lanci di bottiglie contro le forze dell'ordine

Tensione tra le forze dell'ordine e i giovani presenti in piazza

Locali chiusi per la fine del servizio, piazze strapiene di giovani e giovanissimi per nulla intenzionati ad andare a casa. Il clima di festa e euforia dopo la vittoria dell'Italia contro l'Austria, l'alcol che, nonostante il divieto di consumazione all'aperto, scorreva a fiumi. Sono gli ingredienti dell'ennesima notte di malamovida andata in scena tra le 2 e le 3.30 a san Lorenzo. con attimi di tensione con le forze dell'ordine, finiti poi, come sempre, sui social. Palcoscenico piazza dell'Immacolata, largo degli Osci e tutte le vie limitrofe. Spettatori assai poco felici i residenti, costretti all'ennesima notte insonne.

Tutto ha inizio verso le 2. La zona è al solito presidiata dalle forze dell'ordine. Blindati e auto di carabinieri e polizia sono ormai consuetudine da queste parti. Qualche giovanissimo però non sembra preoccuparsene e le ignora completamente: un gruppo di ubriachi inizia così a salire sulle auto in sosta e a saltarci su. Una scena che i carabinieri non possono tollerare. Da qui la richiesta di smetterla, di sciogliere l'assembramento. Ne nasce qualche rissa, di piccola entità. I militari intervengono e allontanano gli elementi più esuberanti. 

Sono le 2.30 e in piazza sono presenti 600 persone assembrate, per nulla intenzionate a porre fine alla serata. I carabinieri decidono di liberare la piazza, avanzando in assetto anti sommossa. Ed è a quel punto che qualcuno decide di toccare, con fare provocatorio, lo scudo dei carabinieri in antisommossa. Individuati, i responsabili sono stati identificati e allontanati dalla piazza. Gli allontamenti scatenano i facinorosi e dalle retrovie del fiume di gente presente, inizia un fitto lancio di bottiglie durato cinque minuti. Ad accompagnarlo cori contro le forze dell'ordine. 

In assetto anti sommossa i carabinieri hanno quindi sciolto gli assembramenti e liberato la piazza, invitando i presenti ad allontanarsi. Inviti andati nella maggior parte dei casi a segno, in altri ci è voluto un po' di più. La situazione è tornata alla calma alle 3.30. Per fortuna durante il lancio di bottiglie non si sono registrati feriti. Non risultano persone fermate, ma solo dei sanzionati per il mancato uso della mascherina. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Lorenzo, ennesima notte di malamovida: lanci di bottiglie contro le forze dell'ordine

RomaToday è in caricamento