Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Pigneto / Via del Pigneto

Bazar del falso al Pigneto: sequestrati 5000 capi di abbigliamento

Scarpe, borse, foulard ma non solo, anche etichette che sarebbero state apposte sui capi in specializzati laboratori clandestini

Avrebbero invaso bancarelle e marciapiedi della Capitale e di altre parti d'Italia. Scarpe, borse, capi contraffati, pronti o quasi ad entrare in commercio. Oltre 5000 pezzi sono stati rinvenuti all’interno di appartamenti e locali del quartiere Pigneto. A condurre l’operazione la Guardia di Finanza.

CAPI CONTRAFFATI - L’andirivieni continuo da parte di alcuni cittadini di nazionalità senegalese nei pressi di appartamenti in zona Pigneto e poi la scoperta: un vero e proprio bazar del falso. Così i militari del I Gruppo Roma, con il supporto dei “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego, hanno iniziato una operazione di monitoraggio della zona durata diverse settimane. Durante i controlli, hanno notato i cittadini senegalesi rifornirsi di capi di abbigliamento identici ai modelli delle note case di alta moda, ma sprovvisti delle “griffe”. I militari all’interno delle abitazioni, hanno rinvenuto circa cinquemila articoli. Borse, scarpe, maglie, occhiali e foulard, non solo, anche numerosi accessori ed etichette di marchi Louis Vuitton, Prada, Dolce e Gabbana, Nike, Colmar, Stone Island, Chanel, Adidas, Ralph Lauren e Burberry. Le etichette sarebbero state apposte sui capi “neutri” facendoli apparire assolutamente identici ai modelli originali in laboratori clandestini specializzati.

BAZAR DEL FALSO – Durante l’operazione, i militari hanno notato che un’abitazione già sottoposta a sequestro era sprovvista di sigilli e alla porta era stata sostituita la serratura. Si sono insospettiti e con l’aiuto di fabbri, hanno scardinato la porta di ingresso. All’interno dell’appartamento hanno ritrovato un vero e proprio bazar del falso. Numerose confezioni di scarpe “Nike”, modello “Air Max”, borse “Michael Kors”, e altri pacchi contenenti centinaia di etichette di marche varie, nonché supporti ottici CD e DVD, con le più recenti uscite discografiche e film attualmente in programmazione nelle sale cinematografiche.

Sei le persone denunciate per reati di contraffazione, adesso i militari dovranno individuare le fonti di produzione e di approvvigionamento degli articoli contraffatti al fine di contrastare l’intera filiera del falso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bazar del falso al Pigneto: sequestrati 5000 capi di abbigliamento

RomaToday è in caricamento