Borseggiatori a caccia di turisti, stretta dei carabinieri. I consigli dell'Arma per non essere derubati

Quindici i manolesta ammanettati in poche ore

Manolesta nella morsa dei carabinieri. I militari dell'Arma della Compagnia Roma Centro proseguono, senza sosta, serrati controlli nelle zone maggiormente frequentate dai turisti e presso le linee e le fermate di scambio della metropolitana per garantire maggiore sicurezza. In poche ore, la forte stretta dei Carabinieri ha permesso di arrestare 15 borseggiatori, sorpresi “all’opera”.

In due noti fast-food, in via Giolitti e in Piazza di Spagna, in due distinte operazioni, sono state arrestate 3 persone. Nel primo caso, i Carabinieri della Stazione Vittorio Veneto, hanno sorpreso un cittadino algerino di 28 anni, mentre rubava all’interno di uno zaino appartenente ad una turista coreana in coda alle casse. Poco più tardi due cittadini romeni di 18 e 19 anni, sono stati arrestati mentre rubavano un cellulare di ultima generazione ad una turista cinese, mentre consumava seduta ai tavoli.

A bordo del tram linea 3, i Carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno bloccato due cittadini algerini di 55 e 59 anni, mentre tentavano di rubare un smartphone di un turista aggrappato al corrimano, ma non avevano fatto i conti con i Carabinieri che li tenevano sotto controllo.

Sotto la banchina della metropolitana linea “A”, i Carabinieri della Stazione Roma Via Vittorio Veneto hanno arrestato tre persone. Le prime a finire in manette sono due baby-borseggiatrici, di 14 e 15 anni, entrambe di origini bosniache, e poco più tardi, un 46enne della Tunisia e un 40enne originario della Romania, entrambi senza fissa dimora e con precedenti. I 4 soggetti sono stati sorpresi, mentre rubavano portafogli a turisti ignari.

I Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato 2 uomini, della Libia, di 29 e 31 anni, sorpresi mentre stavano rubando una borsa, dall’interno di un’auto parcheggiata in largo del Tritone. 

Gli stessi Carabinieri hanno arrestato una coppia di cittadini cileni, lui di 31 e lei di 36 anni, entrambi disoccupati e con precedenti, sorpresi a derubare una turista australiana intenta a mangiare in un fast food di via del Tritone. I militari li hanno bloccati mentre tentavano di allontanarsi dopo aver prelevato lo zaino della vittima poggiato sulla sedia.

All’interno della Stazione Termini i Carabinieri in servizio all’interno dello scalo, hanno arrestato una coppia lui cittadino algerino di 23 anni, lei georgiana di 36 anni. L’uomo è stato fermato, subito dopo aver asportato con destrezza una borsa, contenente una costosa macchina fotografica. La donna invece è stata pizzicata all’interno di un negozio, ubicato all’interno della stazione, subito dopo aver rimosso le placche antitaccheggio a svariati capi di abbigliamento.

Tutti gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo, mentre le minorenni al centro di prima accoglienza per i minori di via Virginia Agnelli. Sono tutti accusati di furto aggravato.

I consigli dei carabinieri: 

I borseggi si verificano quotidianamente per strada e sui mezzi pubblici (autobus, metropolitana, treno) e, comunque, in luoghi particolarmente affollati. Utilizzano trucchi e stratagemmi sempre nuovi e diversi, ma lo studio del fenomeno ci ha permesso di individuare alcuni "segnali di pericolo" che, se sono conosciuti, possono essere gestiti.

Fate molta attenzione quando:

si forma una ressa particolare per salire o scendere dai mezzi pubblici;
siete in luoghi particolarmente affollati o fate la fila davanti agli sportelli e sentite che qualcuno vi sta particolarmente "addosso" o vi spinge; qualcuno tenta "insistentemente" di distrarvi in qualsiasi modo (ad esempio, chiedendovi informazioni, facendo dirigere la vostra attenzione in una direzione particolare, con finti malori o finte liti); qualcuno vi passa accanto con uno strattone, vi fa cadere delle cose dalle mani o vi sporca con un gelato o una bevanda e poi vi aiuta -con troppa sollecitudine- a ripulirvi; degli sconosciuti tendono a un contatto fisico (es.: una mano sulla spalla, benché seguita da scuse immediate); dovete tirar fuori il portafoglio in un luogo pubblico, per esempio come quando dovete pagare la merce acquistata da un venditore ambulante, soprattutto quando c'è folla.
 
Abitualmente:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

non portate mai grosse somme di denaro contante con voi, ma utilizzate quanto più possibile i servizi bancari (bancomat, carte di credito);
quando prelevate delle somme di denaro, non fate vedere quanti soldi avete ritirato e divideteli in più tasche;
custodite documenti e soldi in modo separato; evitate di essere sovraccarichi di pacchi, pacchetti, borse della spesa, etc: siete più vulnerabili; evitate di tenere soldi o portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni; custodite documenti e soldi in modo separato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

Torna su
RomaToday è in caricamento