menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giallo a Tor Vergata: 45enne trovata morta in casa

La donna trovata morta è Adriana Vasilica Jacob. Nel 2008 fu arrestata ingiustamente, trascorrendo poi 3 anni in carcere, per l'omicidio di un'anziana. La sera prima del ritrovamento un sms all'ex compagno: "Non venire qui, non mi sento bene"

Era famosa alle cronache per un caso di malagiustizia che l'aveva vista finire in carcere perché ingiustamente accusata di aver ucciso l'anziana che accudiva. Lei è Adriana Vasilica Jacob, una romena di 45 anni, che nella mattinata di venerdì, poco dopo le 9.00, è stata ritrovata morta nel suo appartamento di via Vincenzo Alberti, nel quartiere di Tor Vergata. Il suo decesso è un giallo per tanti motivi.

Innanzitutto un sms, inviato nella serata di giovedì all'ex compagno. "Non venire qui, non mi sento bene". Un messaggio al quale il suo connazionale non aveva dato troppo peso. Il silenzio però era diventato troppo lungo. La donna non rispondeva più al telefono. Per questo l'uomo ha deciso di forzare la finestra ed entrare in casa. Qui la scoperta: la donna era distesa sul letto con addosso una tuta.

L'arrivo del 118 ha confermato il decesso. Pochi minuti dopo l'arrivo della scientifica. Sul corpo della donna è stata trovata un’ecchimosi sull’occhio sinistro e sulla schiena delle macchie. Il decesso, dai primi rilievi, potrebbe risalire a giovedì sera. Tuttavia è stata disposta l'autopsia che dovrà anche fornire risposte sulle cause della morte.

Sul caso indagano gli uomini dalla squadra mobile e gli agenti del commissariato Casilino Nuovo.

La Jacob nel 2008 fu arrestata per l'omicidio dell'anziana Paola Iori, trovava morta in casa. Si scoprì poi però che le fratture alle costole non erano state provocate dalla badante romena nel corso di un’aggressione ma dal massaggio cardiaco praticato dai primi soccorritori nel tentativo di rianimare l’anziana. Alla donna non fu riconosciuto un'indenizzo perché essendo dipendente dagli alcolici si stabilì "che la donna ha concorso con dolo o colpa grave a cagionare l’emissione del provvedimento di applicazione della misura cautelare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento