Coronavirus Roma e Lazio, il bollettino dei nuovi contagi del 3 gennaio 2021

Il commento dell'assessore alla sanità Alessio D'Amato: "I dati in aumento riflettono i comportamenti della fase prefestiva"

Bollettino giornaliero preoccupante quello di domenica 3 gennaio. Sono infatti in aumento i casi di Coronavirus a Roma e nel Lazio. "Un effetto dei comportamenti della fase prefestiva", per l'assessore Alessio D'Amato che fa evidentemente riferimento ai giorni di shopping in centro (e non solo) che hanno poi spinto il governo ad adottare un inasprimento delle misure.

A preoccupare non è il dato assoluto dei nuovi contagi, quanto il rapporto tra tamponi e positivi, salito al 14%. Se ieri i tamponi erano meno di 10.000, oggi con quasi 12.000 test molecolari, sono stati riscontrati 1681 nuovi casi, + 406 rispetto a ieri. Stabili i dati di Roma, dove evidentemente i tamponi vengono processati in maniera costante: 706 i nuovi casi. Bene la provincia di Roma, con 299 contagi in più. Male le altre province, con 676 casi, con Latina a raccoglierne oltre la metà. 

Dato positivo è quello delle terapie intensive, in calo rispetto a ieri. 

I dati delle Asl 


Nella Asl Roma 1 sono 369 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi di 61, 67, 79, 81, 84, 86 e 86 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 2 sono 227 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centouno sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registra un decesso di 74 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 3 sono 110 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Quattro casi sono ricoveri. Si registra un decesso di 50 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 4 sono 24 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. 

Nella Asl Roma 5 sono 185 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi di 76, 85, 87, 90, 91, 91 e 91 anni con patologie. 

Nella Asl Roma 6 sono 90 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 85 anni con patologie. 

Nelle province si registrano 676 casi e sono sette i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 374 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sono ventuno i casi con link alla RSA Domus Aurea di Castelforte dove è in corso l’indagine epidemiologica. Si registrano cinque decessi di 72, 78, 83, 85 e 85 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 206 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registra un decesso di 55 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 39 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Nella Asl di Rieti si registrano 57 casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 91 anni con patologie.

I dati dei vaccini

Nel Lazio intanto è stata superata la quota delle 20mila vaccinazioni somministrate. "Un traguardo importante", commenta D'Amato, "che ci vede in testa tra le Regioni per numero assoluto di vaccinazioni. Nei prossimi giorni aumenteremo la capacità produttiva secondo la disponibilità dei vaccini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento