rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità San Lorenzo / Piazzale Aldo Moro, 5

"La ricerca è in catene", blitz degli attivisti per l'ambiente all'università La Sapienza

L'iniziativa in contemporanea anche al porto di Marghera e davanti la Regione Piemonte

"La ricerca è in catene", "Fuori Eni dalla Sapienza". Ed ancora: "Fuori le aziende militari dalla Sapienza", "Rivoluzione climatica ora". Con questi cartelli alcuni attivisti per l'ambiente si sono incatenati questa mattina all'ingresso della città universitaria di piazzale Aldo Moro, con tre azioni in contemporanea attuate anche al porto di Marghera (a Venezia) e davanti la Regione Piemotne. Una ventina gli esponenti di Exctintion Rebellion poi allontanati ed identificati dai poliziotti della questura di Roma.  

"A Roma, 4 ribelli si sono incatenati ai cancelli di accesso della Sapienza a P.le Aldo Moro per denunciare gli accordi di ateneo con i colossi del fossile e bellico: Eni e Leonardo SpA. Intervenute le FF.OO, hanno rotte le catene che legavano i ribelli con un frullino per poi portare tutte/i in caserma (sono ancora in stato di fermo all’1 pm ndr). Gli altri ribelli presenti sono stati tutti denunciati per manifestazione non autorizzata, art. 18 del TULPS", scrivono gli attivisti per l'ambiente in azione in quella che viene definita la "Settimana della Scientist Rebellion".

Blitz Extinction Rebellion alla Sapienza

Attivisti di Excition Rebellion che spiegano ancora: "Il 4 aprile scorso è stata pubblicata la versione finale del Rapporto IPCC che lancia un avvertimento definitivo per l'umanità e descrive il quadro catastrofico attuale e il collasso sociale e ecoclimatico cui l’inazione ci condurrà inesorabilmente: un allarme rosso gridato a gran voce e come sempre inascoltato. Per questo nella settimana dal 4 al 9 aprile si svolge la mobilitazione globale lanciata da Scientist Rebellion con oltre 1000 scienziati, studenti, ricercatori, dottorandi, docenti universitari impegnati in 26 paesi nei 5 continenti per agire e innescare “la più grande campagna di disobbedienza civile mai realizzata da scienziati”. Scientist Rebellion Italia chiede che la crisi venga affrontata dal mondo politico per quello che realmente è: un'emergenza senza precedenti. Chiede che il governo italiano investa le somme indispensabili per terminare il processo di decarbonizzazione ora e che si stanzino i fondi per l'adattamento agli inevitabili sconvolgimenti ambientali e sociali che colpiranno il nostro Paese".

Azioni per frenare la crisi climatica: "È tempo che chi è stato eletto per tutelare la cittadinanza prenda sul serio la gravità dei fatti riportati dalla comunità scientifica e metta in campo tutte le misure necessarie per frenare la crisi climatica e ecologica. I gas climalteranti in atmosfera continuano ad aumentare esponenzialmente e la temperatura media globale di conseguenza. Solo per citare un esempio: in Piemonte non piove significativamente da tre mesi, i fiumi sono in secca e molte centrali idroelettriche hanno dovuto chiudere. Diversi comuni hanno posto restrizioni all'uso dell'acqua, se non per ragioni alimentari e di igiene personale e gli agricoltori stanno esprimendo grande preoccupazione per i raccolti. Il quadro non è più sostenibile. Agire ORA è irrinunciabile. Nei prossimi giorni - concludono - si terranno ulteriori azioni di disobbedienza civile, in Italia e nel mondo, per denunciare l'immobilismo del mondo politico e industriale nei confronti dell’emergenza climatica ed ecologica".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La ricerca è in catene", blitz degli attivisti per l'ambiente all'università La Sapienza

RomaToday è in caricamento