rotate-mobile
San Basilio Casal de Pazzi / Via Tiburtina

Il parco di Aguzzano si trasforma, da discarica a bosco urbano

Il progetto è finanziato con i fondi Otto per mille dell’Istituto buddista italiano

Duecentocinquanta alberi verranno piantumati nell’area del parco di Aguzzano, dove prima sorgeva una discarica abusiva di inerti. Il progetto, finanziato con i fondi Otto per mille dell’Istituto buddista italiano ‘Soka Gakkai’ e promosso dall’associazione Casale Podere Rosa. “Un contributo per il decoro dell’area e per sviluppare la sensibilità ambientale” ha commentato Stefano Petrella, uno dei soci del centro sociale e culturale di via Diego Fabbri, a San Basilio. 

L'incendio scopre i rifiuti interrati

A scoprire i rifiuti interrati, principalmente inerti, sono state le fiamme che hanno devastato un’intera area nell’agosto di due anni fa, lasciando la zona nel più totale degrado. Siamo nel parco di Aguzzano, l’area regionale che si estende tra la via Nomentana, la Tiburtina e il GRA, gestito dall’ente Roma Natura. In questo lembo di terra, anche altri tentativi per ripopolare l’area: tra questi quello della Regione Lazio che, a partire dal febbraio di quest’anno, ha avviato il progetto ‘Ossigeno’ che prevede la piantumazione di 500 nuove querce. Un numero importante che però non basta: al parco di Aguzzano servono interventi per contrastare i cambiamenti climatici e sensibilizzare i cittadini alle tematiche ambientali.

Il bosco urbano

Per questo, l’associazione Casale Podere Rosa ha partecipato al progetto promosso dall’Otto per mille dell'Istituto buddista e ha ottenuto 91.433,00 mila euro per la bonifica dell’area, la pulizia, la piantumazione di duecentocinquanta alberi, la realizzazione di un sentiero attrezzato, il posizionamento di panchine e altri interventi per la collettività. “È il frutto di un percorso partecipato con le associazioni e i cittadini della zona compresa tra San Basilio e Ponte Mammolo, durante gli incontri abbiamo cercato di evidenziare i bisogni del parco” ha aggiunto Petrella. Dopo la piantumazione degli alberi, che avverrà a partire dal mese di gennaio e il completamento degli interventi di riqualificazione, il bosco urbano sarà inaugurato in primavera. 

Il patrocinio gratuito del Municipio

Il progetto ha ricevuto il patrocinio del Municipio IV. A esprimere soddisfazione, Gianluigi Bardini, presidente della commissione di via Tiburtina: “Con questa iniziativa promossa da Casale Podere Rosa si realizza concretamente il concetto di riqualificazione urbana. Contento di aver fatto da tramite tra i cittadini e la politica. Ringrazio chi si è adoperato perché questo fosse possibile, l’assessora all’ambiente, il Servizio Giardini e Ama” ha detto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il parco di Aguzzano si trasforma, da discarica a bosco urbano

RomaToday è in caricamento