rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Talenti / Talenti / Via Ugo Ojetti, 472

Il condominio di Roma dove da due settimane mille persone vivono al buio

L'odissea degli abitanti senza ascensore, con le scale al buio e i cancelli sempre aperti

Ascensori fermi, scale al buio così come la totalità degli spazi comuni. Da due settimane in un maxi condominio di Talenti si vive con la luce staccata. 

Talenti: il condominio che da dieci giorni vive al buio

Per l’intera giornata e soprattutto dopo il calar del sole tutti sono costretti a muoversi nell’oscurità, ci si fa luce utilizzando le torce dei cellulari. Le scale, senza finestre, sono una vera e propria trappola “tanto che - ci racconta un residente - lungo i gradini della A una signora che lavora qui come badante è caduta. Fortunatamente nulla di grave e un’unica ‘vittima’, ma se continua così non si sa che cosa può succedere”. 

Le persone disabili o coloro che hanno difficoltà motorie restano sequestrati in casa, senza possibilità di scendere. Lo stesso è per le mamme con i passeggini. Anche fare la spesa, per chi abita ai piani alti (fino a otto), diventa un’impresa: una bella passeggiata, sempre nelle tenebre, risalire i tre piani interrati dell’autorimessa. Che dire poi di quei cancelli sempre aperti che espongono il comprensorio a furti e razzie minando la sicurezza di tutti i condomini. Sono circa mille in quel super condominio di via Ugo Ojetti costretto a vivere al buio. Un paradosso per un comprensorio dove il costo degli appartamenti si aggira tra i 4 e i 5mila euro a metro quadro. 

Bollette non pagate e morosità

Luce staccata a causa del ritardo nei pagamenti delle bollette alla Proenergy, con il condominio che, nel corso del tempo, ha maturato con la società fornitrice di energia un debito “che ora - raccontano a RomaToday - sfiora gli 80mila euro”. Solo qualche settimana fa era il doppio. Una storia che affonda le sue radici dieci anni fa quando un precedente amministratore di condominio è sparito lasciando circa 800 mila euro di debiti. Da li le nuove amministrazioni condominiali non sono mai riuscite a risalire dal baratro, complice anche la morosità di alcuni condomini. “Ma quello della morosità - dicono i residenti - non è il problema principale, paghiamo soprattutto gestioni condominiali finite male o non risolutive. Chiaro che quando poi si chiede di mettere delle somme molto alte come ‘fondo cassa’ c’è tanta diffidenza. Qui paghiamo bollette che solo per la climatizzazione si aggirano intorno ai 35mila euro al mese, ogni scala poi consuma circa 2000 euro di elettricità. Costi enormi e i rincari di certo - commentano amareggiati da via Ugo Ojetti - non ci hanno aiutati”. Così oggi tutti vivono con gli spazi comuni al buio, tra ascensori fermi e cancelli sempre aperti. Scale pericolose. Un’odissea. “Anche portare a spasso il cane per i bisogni quotidiani sta diventando un’impresa” - ci dice una coppia sull’ingresso del palazzo. 

Il Comune pronto ad interloquire con il fornitore di energia

E domenica nel gigantesco stabile di Talenti sono arrivati anche l’assessore comunale al Patrimonio e alle Politiche abitative, Tobia Zevi, e il presidente del municipio III, Paolo Marchionne. “Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, non appena appresa la notizia, ha voluto manifestare la vicinanza dell'amministrazione ai cittadini del comprensorio, alcuni dei quali con disabilità gravi e impossibilitati ad uscire dal proprio appartamento” - ha spiegato Zevi. Ma non solo. “Roma Capitale - ha assicurato l’assessore - si è messa a disposizione dei cittadini per interloquire con la società Proenergy al fine di trovare una soluzione quanto più rapida al disagio dei condomini". A quanto apprende RomaToday le interlocuzioni con il fornitore dell’energia sono già partite. Si perchè dopo quasi due settimane di oscurità totale in via Ugo Ojetti la misura è colma. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il condominio di Roma dove da due settimane mille persone vivono al buio

RomaToday è in caricamento