menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torrino Mezzocammino: largo Jacovitti da anni è lasciato a metà

Sia a livello stradale che nel piano interrato, la piazza che porta il nome del celebre fumettista, versa in pessime condizioni. I garage sono ustati come discariche ed i lavori previsti non sono mai terminati.

Lo stato impietoso in cui versa largo Benito Jacovitti non è una novità, per i residenti del Torrino Mezzocammino. Da anni infatti stanno denunciando il progressivo degrado che si è appropriato dell'area. Nonostante i sopralluoghi del municipio, le diffide e gli esposti che ne sono seguiti, la proprietà non sembra però interessata a provvedere.

REALTA' DIAMETRALMENTE OPPOSTE - Eppure si trova difronte a piazza Crepax,  realizzata da un diverso costruttore. Lì, appena un mese fa, in occasione di una cerimonia molto partecipata, è stata inaugurata anche la statua di Tex Willer  e presto vi troverà spazio un’area verde. Sull’altro lato della strada invece, in posizione quasi speculare, si trova quest'altra piazza  che, in quel quartiere, sembra totalmente fuori contesto.Secondo il progetto originario, anche a Largo Jacovitti dovevano trovare spazio alberature ed arredi. Ma soltanto una parte sono state realizzate. Viceversa, oltre all’abbandono in cui versano i garage, utilizzati come discarica/deposito di poltrone e mobili, c’è anche una questione di insicurezza generale.

SEGNALAZIONI ED ESPOSTI - Già nel corso della passata consiliatura, l’area era stata oggetto d’attenzione.  Ad interessarsene fu direttamente il Presidente del Consiglio Municipale Marco Cacciotti che, a seguito di un personale sopralluogo, inoltrò una segnalazione all’UOT municipale. Nel documento, protocollato nel maggio del 2013, veniva evidenziata una situazione “di degrado ed incuria evidente”. Inoltre si sottolineava “una considerazione di pericolo per l’incolumità delle persone”. Alla lettera del Consigliere sono seguite, nell’ordine, una diffida ed un successivo esposto.  Tuttavia nulla è cambiato. Ed oggi la piazza versa nelle condizioni di sempre.

UNA CONDIZIONE DI PERICOLO - “Il mio auspicio – ha commentato Cacciotti – è che il Municipio possa intervenire con solerzia. La vicenda va affrontata perché, oltre al piano del decoro, attiene anche a quello della sicurezza”. A tal riguardo, vengono segnalati dai residenti, che hanno istituito un apposito gruppo facebook , “lampioni non terminati con pali e cavi che escono ad altezza bambino”, e ancora topi e “recinzioni provvisorie di cantiere che, in molti punti  mancano e costituiscono un grave pericolo per i passanti”. Per risolvere questa vicenda “il Municipio  - ci spiega Cacciotti - potrebbe prendere in considerazione la possibilità di intervenire in danno del costruttore che è stato inadempiente e, com’è stato rilevato, ha violato anche alcune norme urbanistiche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento