EurToday

Casal Brunori, negli orti urbani arrivano gli alberi da frutto. Li piantano gli studenti

Gli studenti dell'istituto Alberti e del liceo Majorana sabato 7 mettono a dimora degli alberi all'interno del Parco Ort9 Sergio Albani. Prof.ssa Grasso: "Il rispetto dell'ambiente diventi una prassi"

A Casal Brunori, nella periferia meridionale della Capitale, si è attivata una virtuosa sinergia. Scuole superiori, associazioni e semplici cittadini stanno contribuendo alla forestazione della città. Nell'autunno del 2018 lì sono stati piantati tremila alberi. E sabato 7, all'interno del Parco Ort9-Sergio Albani, saranno messe a dimora altre essenze arboree.

Un patrimonio da preservare

"Piantare alcuni alberi da frutto può risultare il miglior strumento possibile per permettere ai ragazzi ed agli adulti di approfondire l'importanza di mantenere intatto il patrimonio boschivo, che ci permette di vivere e che se rispettato potrebbe prevenire ed attenuare i cambiamenti climatici già in atto, che stanno colpendo con sempre maggiore forza e intensità anche l'Italia stessa" ha siegato Stefano Ranieri, referente dell 'Associazione Vivere In, la Onlus che ha in gestione il Parco Ort9.

L'iniziativa nel parco degli orti urbani

Vivere In, l'Associazione Brigate Verdi e gli studenti dell'Istituto Alberti e del Liceo Majorana, hanno deciso di fare quadrato in difesa dell'ambiente. Per questo sabato 7, dalle ore 16.30, pianteranno alcuni alberi da frutto negli orti urbani di Casal Brunori. Un gesto simbolico, ma dal chiaro significato. Mentre in Amazzonia, in Siberia ed in Indonesia, negli ultimi mesi un immenso patrimonio forestale è andato in fiamme, in città c'è chi cerca di fare la propria parte.

Sensibilizzare i giovani al rispetto dell'ambiente

Angela Grasso, docente di inglese dell'Istituto Alberti, è stata l'ideatrice di questa iniziativa: "E' importante lasciare alle nuove generazioni  messaggi educativi – ha commentato Angela Grasso, docente dell'Alberti ed ideatrice dell'iniziativa -  Il rispetto per l'ambiente deve diventare una prassi consolidata, una abitudine naturale delle nuove generali. Ho avuto l'idea di questa iniziativa dal messaggio di Alejandro Jodorowsky".

L'appello

"Per riequilibrare la tragedia amazzonica propongo come atto mondiale che il 7 settembre  ogni essere umano cosciente pianti un albero, o semini un albero, in qualsiasi posto gli sia possibile farlo" ha proposto l'ormai novantenne intellettuale franco-cileno. L'appello ha fatto breccia nella periferia sud della Capitale. Da sabato, grazie all'impegno di insegnanti, studenti ed associazioni locali, a Roma ci sarà qualche albero in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus, a Roma 1362 nuovi casi. Nel Lazio 59 morti nelle ultime 24 ore: mai così tanti da inizio pandemia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento