rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Spinaceto Spinaceto / Via Giuseppe Piermarini

Da cabina Acea a rifugio con “orticello”. A Roma sud scatta la protesta dei cittadini

Nel quartiere Tre Pini in IX municipio il comitato chiede più attenzione al decoro: "Ci sono molte situazioni lasciate andare dalle istituzioni"

Una ex cabina Acea trasformata in un rifugio sta destando più di qualche preoccupazione tra gli abitanti di Tre Pini/Villaggio Azzurro, a Roma sud. Siamo fuori dal Raccordo, tra Tor de' Cenci e Mezzocammino. Una zona residenziale, dove a breve si trasferirà anche la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che ruota intorno a largo Giuseppe Piermarini e all'omonima via. E' anche lì, però, che si concentrano molti dei problemi denunciati dai cittadini. 

L'ex cabina Acea occupata

L'ultima novità è quella di una cabina Acea, ormai in disuso, che da qualche settimana è diventata la "casa" di un senza dimora. "A quanto sappiamo si limita a dormirci - spiega Stefania Michetti, nel direttivo del comitato di quartiere e 'retaker' romana - ma si è creato uno spazio tutto suo, recintando la cabina e oscurando la vista con un telo verde. Si è fatto praticamente un giardinetto. Lo abbiamo segnalato già diverse volte, adesso la questione dovrebbe essere stata presa in carico dalla Polizia Locale". 

tre pini albero cespugli marciapiede

Strade pericolose e rami abbandonati

Non è però l'unico problema denunciato dai residenti, che nella battaglia per il decoro e la manutenzione hanno l'appoggio anche del vicino comitato di Tor de' Cenci/Spinaceto. In generale, infatti, a Tre Pini sembra regnare un certo abbandono: "Le strade sono malmesse - conferma Michetti - in particolare il tratto di via di Mezzocammino che arriva al nostro quartiere. L'unico pezzo non ancora riasfaltato, è pieno di crateri. Non è messo meglio il verde verticale: mesi fa è caduto un ramo, i vigili lo hanno delimitato con gli ormai famosi nastri gialli, ma è ancora lì". 

frutteria furgone

Il fruttivendolo "che si allarga"

Infine, la residente riporta quanto accade di fronte a una frutteria attiva sulla piazza del quartiere: "Ormai ogni giorno - conclude Michetti - il titolare ha creato uno spazio unico tra il suo furgone e un pezzo di giardino di fronte all'esercizio, dove lascia montagne di cassette con frutta e verdura avanzate. In sostanza occupa uno spazio pubblico, che assume anche le fattezze di un posto degradato. Sono state fatte diverse segnalazioni alla Polizia Locale e al IX municipio". Chissà se la situazione cambierà, in futuro, con l'arrivo di Giorgia Meloni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da cabina Acea a rifugio con “orticello”. A Roma sud scatta la protesta dei cittadini

RomaToday è in caricamento