Civitavecchia Via P. Guglielmotti

Fannulloni ad Hcs, sindacati e lavoratori protestano contro Tidei

"Il nostro caro Sindaco continua a infangare la maggior parte dei lavoratori che ogni giorno si alza alle quattro per andare a fare il proprio dovere con dedizione. Perché continua a dire queste cose?"

Assemblea dei lavoratori Hcs, Sot comprese, e organizzazioni sindacali. L'incontro è stato fissato dal segretario generale CdLT Cgil Roma Nord Civitavecchia, Cesare Caiazza per domani dalle 16 alle 18 all'aula Pucci.

Tematiche dell'incontro: "Le iniziative da intraprendere, dopo le gravi dichiarazioni del sindaco Tidei, per pretendere l'avvio di un serio confronto sindacale finalizzato ad affrontare i temi del risanamento della Holding e delle società del gruppo, della riorganizzazione e razionalizzazione del lavoro, partendo dalla salvaguardia dell'occupazione, del rilancio e riqualificazione dei servizi pubblici locali, contrastando ogni ipotesi di svendita e di privatizzazione selvaggia".

E sempre in merito alle dichiarazioni del sindaco Tidei sul modus operandi degli operai di Città Pulita e sulle iniziative e soluzioni che intende intraprendere (come quella dei vigilantes o della cassa integrazione), interviene anche la Fp Cgil che rammenta al primo cittadino come "la campagna elettorale è finita da un pezzo e ora è il momento di fare altro. Ora, agire in modo responsabile vuol dire finirla con le chiacchiere propagandistiche. La necessità è una inversione di tendenza, il confronto aperto e leale e, soprattutto, riportare serenità tra i lavoratori, troppo spesso ingiustamente accusati nelle generalizzazioni della politica". Sempre che, il Sindaco "non intende proseguire come il suo predecessore, con un decisionismo unilaterale i cui risultati eccoli qui, sotto gli occhi di tutti". E la Fp Cgil inizia con un suggerimento. "Non è neccessario assumere altri controllori" perché "farlo equivarrebbe a legittimare l'inefficienza di chi è già preposto a tale incarico e renderebbe incomprensibile anche il ruolo degli Amministratori appena insediatisi. È compito loro stanare i fannulloni. Chi amministra è pagato per far funzionare le cose".

E stufi di essere chiamati "fannulloni" e di sentire determinate dichiarazioni da parte del primo cittadino sono gli stessi operai di Città Pulita. "Il nostro caro Sindaco continua a infangare la maggior parte dei lavoratori che ogni giorno si alza alle quattro per andare a fare il proprio dovere con dedizione. Perché continua a dire queste cose?" si chiedono i rappresentanti Rsa uiltrasporti. "Forse come dicono i nostri segretari, è per crearsi un alibi per eventuali licenziamenti, o chissà per cos'altro? Dice che metterà nelle casse di Città Pulita 100.000 mila euro, ma allora fa veramente finta di non capire? Ci servono - spiegano - spazzatrici, compattatori e non scope. E per quanto riguarda i fannulloni, che in una grande azienda è fiosiologico averne alcuni, o può dire che al Comune non ce ne sono? Ma non vogliamo - proseguono - entrare in questa polemica che riteniamo puerile e sterile ai fini del risanamento della Holding. Un'uscita seria l'ha fatto un suo Assessore, Galletta, che ha rivelato come gli operai sanavano discariche abusive e il giorno dopo rifiorivano. E questo - concludono - non vuol dire che tutti i civitavecchiesi sono zozzi". E dalla Rsa per concludere annunciano che "la misura è colma. Non permetteremo a nessuno di toccare il nostro posto di lavoro".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fannulloni ad Hcs, sindacati e lavoratori protestano contro Tidei

RomaToday è in caricamento