Politica

Olimpiadi 2020: nomi eccellenti per riportare i giochi a Roma

Il comitato promotore per le Olimpiadi 2020 a Roma è pronto: Presidente Pescante, vice Alemanno e Petrucci, ma ci sono anche Montezemolo, John Elkann, Caltagirone, Malagò e Geronzi

Tutto è pronto per far partire la macchina organizzativa che avrà il difficile compito di far cadere su Roma la scelta della città designata per ospitare le olimpiadi.Il presidente del Comitato promotore per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2020 è Mario Pescante. Il presidente onorario è Gianni Letta, mentre i due vicepresidenti sono Gianni Alemanno e Gianni Petrucci. Nel Comitato è prevista anche la figura di un terzo vicepresidente, che sarà espressione dell'opposizione, il cui nome sarà probabilmente reso noto in giornata.

Il comitato promotore di Roma 2020 annovera un parterre di nomi eccellenti a formare il comitato d'onore: Luigi Abete, Nerio Alessandri, Azzurra Caltagirone, Luca Cordero di Montezemolo, Aurelio de Laurentiis, John Elkann, Cesare Geronzi, Andrea Guerra, Giovanni Malagò, Emma Marcegaglia, Mario Moretti Polegato, Giuseppe Recchi e Aurelio Regina. Nell'organigramma del comitato promotore il comitato d'onore ovviamente si affianca al comitato esecutivo, presieduto da Mario Pescante (vicepresidenti il sindaco di Roma Gianni Alemanmno e il presidente del Coni Gianni Petrucci in attesa di una terza nomina indicata dall'opposizione, presidente onorario Gianni Letta). Membri di diritto del comitato esecutivo sono i presidenti di Regione Lazio (Renata Polverini e Provincia di Roma (Nicoila Zingaretti), il segretario generale del Coni (Raffaele Pagnozzi) e il presidente del Comitato italiano paralimpico (Luca Pancalli), i membri effettivi e onorari italiani del Cio (Franco Carraro, Ottavio Cinquanta, Francesco Ricci Bitti e Manuela Di Centa). Direttore generale, è Ernesto Albanese. Poi ci sarà un comitato di compatibilità e programmazione economica con un presidente, l'economista Marco Fortis, e un coordinatore, Franco Carraro.

Nicola Zingaretti si dimostra pienamente deciso a collaborare per riportare le olimpiadi nella capitale: "Patti chiari e amicizia lunga: dobbiamo fare di tutto per riportare le Olimpiadi a Roma, quindi, dobbiamo lavorare tutti per questo obiettivo". Lo ha detto il presidente della Provincia di Roma spiegando che "dobbiamo farlo per lo sport e per gli atleti italiani. E poi per Roma e per l'Italia". Perché tutto ciò si realizzi, "dobbiamo recuperare un buon clima e non avere paura di dirci le cose". Zingaretti ha spiegato che "all'inizio si è lavorato insieme e non per spartirci le poltrone; abbiamo realizzato un dossier che ci ha fatto vincere. Poi, c'é stato un blackout. Dobbiamo recuperare la giusta atmosfera e coinvolgere le forze più moderne in questa sfida". Un sfida che "non è solo aggiungere nuove cose ma rafforzare le infrastrutture presenti per dare più vivibilità alla città. Ma soprattutto dobbiamo darci un'anima".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi 2020: nomi eccellenti per riportare i giochi a Roma

RomaToday è in caricamento