Lunedì, 21 Giugno 2021
Politica Ostia / Piazza Giovanni Battista Bottero

Rifiuti, Raggi all'officina di Ostia: "Ama sta uscendo dalla palude"

Abbandonata da tre anni, in tre mesi di attività l'officina ha effettuato 300 riparazioni

Foto Agenzia Dire

Era stata 'individuata' grazie a una segnalazione. "Perfettamente funzionante, ma chiusa". L'officina di piazza Bottero a Ostia, di proprietà dell'Ama, aperta ormai dal 22 gennaio scorso, è stata visitata oggi dalla sindaca Virginia Raggi, decisa ad andare a raccogliere tutti frutti sul territorio del X municipio di quella che lei stessa ha definito "l'officina ritrovata". Insieme a lei, l'amministratore unico di Ama, Lorenzo Bagnacani, l'assessora all'Ambiente di Roma Capitale, Pinuccia Montanari, e il presidente della Commissione Ambiente, Daniele Diaco. 

In circa tre mesi di esercizio, ha spiegato Raggi, "sono stati già effettuati 300 interventi sui mezzi piccoli, i cosidetti squaletti. Prima per la loro riparazione ci volevano due o tre giorni a fronte dell'attuale mezz'ora, massimo un'ora". Ama" ha aggiunto la sindaca "sta uscendo dalla palude in cui l'abbiamo trovata e sta cercando di rimettere in piedi un sistema che in teoria è stato studiato per funzionare. Inoltre abbiamo lanciato dieci officine mobili, di cui sette nuove, per le piccole riparazioni".

A parlare di "Ama di municipio" è stato l'amministratore unico Bagnacani. Non solo l'officina. Entro la fine del mese, sul territorio di Ostia partirà anche la nuova raccolta differenziata porta a porta. L'officina "era un patrimonio di proprietà dell'azienda. L'abbiamo rimessa in funzione e crediamo possa avere un significato molto profondo per noi perché ci permette di creare l'Ama di Municipio". 

La notizia - La denuncia risale a due anni fa

Proprio nei prossimi giorni, nel X municipio, partirà il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta. "Desidero ringraziare l’amministrazione per l’attenzione rivolta al nostro municipio" le parole dall’assessore all’Ambiente e vice presidente del municipio X, Alessandro Ieva. "Una sinergia per fare squadra con un unico obiettivo: quello di mettere in campo tutte le nostre forze per un cambio di passo". 

La visita a Ostia è stata anche occasione per parlare del fenomeno dei cassonetti bruciati, che si è verificato soprattutto nel VII e nel X municipio. "Un fenomeno che ha causato complessivamente 230 contenitori stradali completamente bruciati in cinque mesi. Non si tratta più di vandalismo ma di un'azione mirata contro l'azienda". Ha continuato la sindaca: "Il costo di ogni singolo contenitore è di 750 euro l'uno quindi il danno è grande. Ma questa attivita di contrasto non può essere condotta solo da Ama: c'è il supporto della Polizia locale per cercare di individuare queste persone. Abbiamo inviato poi una nota alla Prefettura per convocare il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza per farci supportate dalle altre forze di polizia e sconfiggere questo fenomeno che mira a colpire direttamente Ama".

"Stiamo predisponendo un intervento strutturale anche con la videosorveglianza sui cassonetti intelligenti" ha aggiunto Montanari. "Anche le Domus ecologiche saranno videosorvegliate e le telecamere renderanno visibili eventuali atti vandalici" ha spiegato Bagnacani. "Le Domus ecologiche nascono già con la videosorveglianza, naturalmente ci auguriamo che altri attacchi non accadano". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, Raggi all'officina di Ostia: "Ama sta uscendo dalla palude"

RomaToday è in caricamento